Contenuto sponsorizzato

Bimba di due anni rimane chiusa in auto con le chiavi all'interno, momenti di paura ad Egna

I genitori della piccola stavano caricando gli ultimi acquisti nel bagagliaio quando, forse per errore, è scattata la chiusura centralizzata

Pubblicato il - 18 gennaio 2020 - 17:03

EGNA. Stavano caricando gli ultimi acquisti nel bagagliaio quando la macchina si è chiusa, per sbaglio, e la loro bimba di due anni è rimasta bloccata all'interno dell'abitacolo.

 

E' successo questa mattina, ad Egna. La famiglia era appena uscita da un negozio di mobili e i genitori della piccola stavano caricando il bagagliaio quando, forse per errore, è scattata la chiusura centralizzata. La piccola, di due anni, era già seduta sul suo seggiolone e, purtroppo, le chiavi dell'auto erano all'interno.

 

I genitori, spaventati, hanno quindi chiamato i vigili del fuoco e le forze dell'ordine. All'arrivo dei soccorsi, mentre i vigili del fuoco insieme alle forze dell'ordine cercavano di aprire le porte dell'auto, una carabiniera è riuscita a distrarre e calmare la bimba.

 

Fortunatamente, dopo circa venti minuti, i soccorritori sono riusciti ad aprire l'auto senza danni e la piccola ha potuto riabbracciare i genitori. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 febbraio - 12:15

Il candidato sindaco della destra nel tentativo di colpire l’amministrazione comunale di Trento offre involontariamente un assist ai suoi avversari: dallo scorso anno la macro area della giustizia-sicurezza è scesa dal 18esimo al 42esimo posto, anche se complessivamente la Pat guadagna due posizioni tornando sul podio

29 febbraio - 12:44

E' successo in via Innsbruck intorno alle 18, una jeep con a bordo una coppia di italiani è piombata a velocità altissima nel deposito degli autobus. In quel momento le stanghe erano alzate per consentire e agevolare l'entrata dei diversi mezzi tra fine e inizio turno, quando il veicolo è sopraggiunto a tutto gas senza badare ai segnali di divieto, ma anche alle indicazioni del lavoratore

29 febbraio - 09:22

La comunicazione del caso positivo è arrivata dalle autorità tedesche. La proprietaria della piccola struttura, risultata l’unica persona di stretto contatto del caso positivo, è stata posta in isolamento domiciliare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato