Contenuto sponsorizzato

Bonus per i residenti che restano in vacanza in Trentino: 50 euro a testa per un soggiorno di 3 giorni, 100 euro se si pernotta per una settimana

Per accedere al bonus vacanze basterà essere residenti in Trentino non ci saranno vincoli legati al reddito, Failoni: “Mi sono accorto che quest'anno, a causa del Covid-19, c'è un grande interesse per la cosiddetta vacanza di vicinato, a chilometro zero”

Di Tiziano Grottolo - 25 giugno 2020 - 19:15

TRENTO. La giunta ha partorito una nuova misura per sostenere i trentini durante la Fase 2 dell’emergenza coronavirus, varando un vero e proprio bonus vacanze, una misura che vuole incentivare i cittadini residenti in Trentino a scegliere il Trentino stesso come meta per le proprie vacanze.

 

Ad annunciarlo è stato l’assessore al turismo Roberto Failoni, una misura per la quale sono stati stanziati circa 3 milioni di euro, e che sarà valida per tutte le tipologie ricettive presenti in Trentino, sia alberghiere che extraalberghiere, dall’albergo, al campeggio al B&B e così via. Negli intenti dell’assessore al turismo la compilazione della domanda per ottenere il bonus vacanze “sarà più facile rispetto a quella nazionale”. Da lunedì 1 luglio, ha promesso Failoni, ci saranno maggiori indicazioni e per quanto riguarda “il motorino di avviamento del provvedimento” sarà una “sorpresa”.

 

“L'incentivo per una vacanza in Trentino sarà dedicato ai trentini che decideranno di soggiornare sul nostro territorio dal 1 luglio al 30 novembre 2020”, sottolinea la Pat. Stimolata del presidente Maurizio Fugatti, la proposta degli assessori prevede un contributo di 50 euro a persona pagante per un soggiorno o pernottamento di almeno 3 notti. Cifra che diviene di 100 euro a persona pagante per un soggiorno o pernottamento di almeno 7 notti. Ad esempio, una coppia che prenoterà un weekend lungo di 3 notti in Trentino riceverà uno sconto totale di 100 euro sulla ricevuta del proprio soggiorno, cifra che diviene di 200 euro se raggiunte le 7 notti.

 

“È una novità molto forte – ha osservato Failoni – una misura che vuole incentivare i trentini a visitare le nostre valli, i laghi e le città, un aiuto all’economia reale. In questi giorni ho avuto modo di visitare diverse strutture ricettive del nostro amato Trentino e mi sono accorto che quest'anno, a causa del Covid-19, c'è un grande interesse per la cosiddetta vacanza di vicinato, a chilometro zero”.

 

L'intenzione è quella di non prevedere limiti reddituali: ogni cittadino residente in Trentino potrà fruire di questa possibilità. La norma sarà approvata prima possibile, infatti la procedura e i dettagli tecnico-amministrativi sono in corso di definizione da parte degli assessori provinciali al turismo e allo sviluppo economico.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 11:06

Gian Marco Prampolini, presidente Leal, e Natascia Pecorari, presidente di Salviamo gli Orsi della Luna, hanno fatto la richiesta agli atti e ottenuto il report della visita dei carabinieri di Costa dentro il Casteller: ''Stanno facendo vivere ai tre orsi un vero calvario. Temiamo per la loro vita e attendiamo fiduciosi che il Ministro Costa, che prima di noi ha ricevuto la relazione del sopralluogo dei Cites, faccia la sua parte e prenda provvedimenti previsti dalla legge''

30 settembre - 15:59

In vista del ballottaggio del 4 ottobre a Bolzano e a Merano, l'Anpi altoatesina ha deciso di fare una scelta di campo appoggiando Renzo Caramaschi e Paul Rösch. Troppe le situazioni giudicate inaccettabili nello schieramento opposto, tra l'appoggio dei Freiheitlichen a Zanin e quello di Fratelli d'Italia a Dal Medico. Il presidente Guido Margheri: "Quando si gioca con certi valori fondamentali bisogna mettere dei paletti"

01 ottobre - 13:05

Denunce ritirate contro gli attivisti anti-pesticidi? Niente affatto, Bolzano fa di nuovo retromarcia e il processo andrà avanti. Gli accusati: “L’assessore ha mentito pubblicamente riguardo al ritiro delle querele, vogliono obbligarci a nascondere all’opinione pubblica i dati sul reale utilizzo dei pesticidi in Alto Adige”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato