Contenuto sponsorizzato

Botte in chiesa: due uomini si prendono a cazzotti e deve intervenire l’ambulanza

Il fatto di trovarsi in un luogo sacro non ha scoraggiato i due dall’affrontarsi: prima qualche parola di troppo, poi degli spintoni infine anche qualche cazzotto

Pubblicato il - 26 febbraio 2020 - 09:38

TRENTO. È successo intorno alle 8e45 quando due uomini che, stando a quanto riferisce uno dei due si conoscevano pure, hanno iniziato a picchiarsi in chiesa.

 

Il fatto di trovarsi in un luogo sacro non ha scoraggiato i due dall’affrontarsi: prima qualche parola di troppo, poi degli spintoni infine anche qualche cazzotto.

 

Una lite scoppiata per futili motivi o vecchi rancori fra conoscenti, all’interno della chiesa di Santa Maria del Suffragio.

 

Pugni ben piazzati a quanto pare dal momento che uno dei due uomini coinvolti ha ritenuto opportuno chiedere l’intervento di un’ambulanza. Gli operatori sanitari arrivati sul posto hanno cercato di calmare gli animi, operazioni riuscita visto che i due sono stati subito divisi.

 

L’uomo che ha dato l’allarme lamentava di essere stato colpito più volte e di essere stato anche minacciato, i sanitari lo hanno visitato e medicato, il malcapitato non ha subito ferite gravi, solo qualche botta.

 

La dinamica non è chiara e probabilmente sarà compito della polizia locale ricostruirla, sentendo le due persone coinvolte.

 

Le versioni dei fatti sono in netto contrasto ed entrambi gli uomini lamentano di essere stati aggrediti, scaricando tutte le responsabilità sull’avversario.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 16:25

I medici sono preoccupati perché la situazione di sfuggire di mano. Ioppi: "Si è ritornati a contrapporre la salute all'economia, ma questi aspetti dovrebbero andare di pari passo. Non si devono ripetere gli errori di marzo e aprile: non si deve rincorrere la malattia ma anticipare i tempi. Le istituzioni ci sostengano, gli operatori sono sfiniti e ci sono anche gli altri pazienti da seguire"

27 ottobre - 16:22

E' successo in mattinata e la donna si trova ora ricoverata al Santa Chiara. Ha riportato diverse ustioni 

27 ottobre - 15:55

L’accesso al drive through è possibile solo su appuntamento: la centrale Covid gestisce le agende e fornisce ai singoli indicazioni sulle sedi, gli orari e le modalità di effettuazione del tampone

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato