Contenuto sponsorizzato

Buon compleanno Wikipedia! Al Centro per la cooperazione internazionale si festeggiano i 19 anni dell'enciclopedia online

In un evento tenuto mercoledì 15 gennaio 2020 nella sede del Centro per la cooperazione internazionale di vicolo San Marco, ogni volonteroso avrà modo di confrontarsi con la riscrittura di pagine di wikipedia contando sull'apporto degli esperti dell'Osservatorio Balcani e Caucaso. Si festeggia così una collaborazione di oltre 5 anni

Pubblicato il - 13 gennaio 2020 - 19:35

TRENTO. Il Centro per la cooperazione internazionale s'affaccia al nuovo anno dopo gli scossoni di fine 2019 e le dimissioni del presidente Mario Raffaelli con un evento volto a celebrare l'annosa collaborazione con la celebre enciclopedia online Wikipedia, giunta al diciannovesimo anno d'età. Nella biblioteca della propria sede, in Vicolo San Marco, il Cci aprirà al pubblico le porte del centro a partire dalle 15 di mercoledì 15 gennaio 2020 fino alle 20, con una pausa rinfresco offerta da Wikimedia Italia, l'associazione con sede a Milano che promuove l'enciclopedia nella penisola.

 

In queste 5 ore ogni persona che vorrà contribuire al miglioramento di contenuti avrà modo di confrontarsi gratuitamente con lo staff del Centro e con alcuni “wikipediani” esperti, fornendo assistenza tecnica su contenuti e fonti (ai partecipanti si richiede però di portare il proprio computer). Al centro del lavoro di riscrittura vi saranno i temi cari all'organismo per la cooperazione: Europa, cooperazione internazionale, diritti fondamentali, sostenibilità.

 

Nella sua opera di divulgazione, infatti, il Centro per la cooperazione internazionale, attraverso la sua unità operativa Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, è da anni impegnato a contribuire a Wikipedia. La collaborazione tra l'Osservatorio e i progetti legati all'enciclopedia online è nata nel 2015 attivando l'iniziativa “Un wikipediano in residenza”, progetto che nell'ambito del programma Glam (Galleries, Libraries, Archives ad Museums) ha visto Wikimedia Foundation rivolgersi ad autorevoli istituzioni culturali per trasferire il patrimonio di conoscenze e dati prodotti dall'Obct in anni di attività su Wikipedia, facilitandone l'accesso ad un pubblico sempre più ampio e arricchendo con i propri contenuti l'enciclopedia libera più grande e consultata al mondo.

 

Da quel momento in poi la relazione con Wikipedia non si è mai interrotta, portando centinaia di voci di qualità in inglese e italiano, grazie a vere e proprie “maratone di scrittura” tra Trentino, Belgrado, Sofia, Madrid e Berlino. Grande attenzione è stata dedicata al territorio, grazie a due progetti che hanno coinvolto le scuole locali. In primo luogo con un progetto sulla Grande Guerra, in cui gli studenti hanno avuto modo di studiare una storia poco nota, quella cioè dei prigionieri russi e serbi sul fronte alpino. In secondo luogo, invece, un progetto partito in questi giorni e coinvolgente gli studenti dell'Istituto agrario di San Michele all'Adige e focalizzato sul tema delle guerre nell'ex Jugoslavia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 19:50

Sono 462 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 179 positivi a fronte dell'analisi di 3.403 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,3%

25 novembre - 16:18

Nuovo corso e anche nuova sede: terminati i lavori di ristrutturazione, Palazzo Consolati ha aperto le sue porte agli studenti e alle studentesse che da poche settimane hanno iniziato a frequentare le lezioni. Oggi, mercoledì 25 novembre, in una cerimonia e conferenza stampa online è stato inaugurato il corso di Medicina e Chirurgia dell'Università di Trento

25 novembre - 19:33

Il Comune di Grigno vuole offrire la possibilità a tutti i 2200 abitanti di fare il tampone, ora si attente il via libera della Provincia. Il sindaco Voltolini: “Abbiamo già uno spazio e la disponibilità di medici e infermieri volontari, basta che ci mandino i test necessari. Lo screening di massa? Strumento fondamentale per la gestione della pandemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato