Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, anche i bar si reinventano e ora i drink arrivano a casa in busta chiusa

E' il servizio messo in campo dal bar Pasi di Trento. Le ordinazioni vengono fatte al telefono e poi basta del ghiaccio per gustarsi il drink scelto a casa 

Di Giuseppe Fin - 09 April 2020 - 19:56

TRENTO. La rivoluzione del mondo del lavoro in questa emergenza sanitaria è davvero enorme. In tanti si stanno reinventando. Si parla di un vero e proprio boom di consegne a domicilio per bar e ristoranti e in molti fanno a gara su quale servizio più particolare offrire ai clienti.

 

E se da un lato c'è chi decide di farci gustare in casa un pranzo da ristorante a cinque stelle, c'è anche chi è riuscito a organizzarsi per farci avere un drink sottovuoto. Un momento, quello dell'aperitivo, che in tanti hanno deciso di non rinunciare.

 

Tra le tante offerte c'è quella pensata dal bar Pasi di Trento che ai propri clienti ha pensato a 5 drink pronti al consumo, che possono essere consegnati direttamente a casa.

 

Preparati direttamente dal bartender del Pasi vengono preparati e poi messi in una busta sigillata pronta per la consegna. “Basterà versare il contenuto della busta in un bicchiere, aggiungere ghiaccio abbondante e mescolare delicatamente” viene spiegato. Il prodotto va conservato in frigo e consumato entro 30 giorni.

I drink si possono ordinare al numero 3331939097, entro le 18 del giorno prima della consegna e il costo è di 6 euro al drink. Si potrà quindi gustare, seduti a casa e senza quindi il bisogno di uscire, un 'Bacardi Loco' con lime, mirtilli, zucchero di canna, pesca, rum e cranberry oppure un 'Negroni in collina' con bitter Campari, Vermouth rosso, camomilla, the ai frutti i bosco e twist limone ma su ordinazione si possono avere anche Daiquiri, Margarita, Long island, Boulevardier oppure Whisky Sour e tanti altri. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 aprile - 12:39
Nello stato di San Paolo in particolare una buona parte degli ospedali avrebbe esaurito le scorte di sedativi per i pazienti intubati che, secondo [...]
Ambiente
17 aprile - 19:34
Gli attivisti di StopCasteller contro la Giunta Fugatti: “Da mesi la Provincia non diffonde immagini e nasconde deliberatamente aggiornamenti [...]
Cronaca
18 aprile - 09:03
Un'operazione che ha coinvolto 12 province e in tutto sono state sequestrate  5.000 compresse, circa 150 fiale (con altrettante siringhe) e un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato