Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, dopo due mesi per la prima volta non ci sono decessi in Trentino. I nuovi contagiati sono 20 (2 i minori)

L'ultimo giorno con zero morti era stato segnalato il 18 marzo. Poi da quel momento la conta è diventata sempre più pesante arrivando a un totale di 456 vittime nel solo Trentino (esattamente il doppio dell'Alto Adige)

Pubblicato il - 17 maggio 2020 - 17:36

TRENTO. Per la prima volta, praticamente dall'inizio dell'epidemia, non sono stati registrati decessi in Trentino. Finalmente la notizia tanto attesa è arrivata (dal 19 marzo non si era più riusciti a registrare zero morti, purtroppo, come si può vedere nella tabella qui sotto) e mentre la curva del contagio continua a crescere, seppur in maniera sempre meno forte, con 20 nuovi contagi su 1539 tamponi a questi andrebbero aggiunti anche i tre trentini positivi trovati in Alto Adige e segnalati oggi (QUI ARTICOLO). 

 

In totale, quindi, in Trentino, al momento, si contano 5.304 contagi e 456 decessi da inizio epidemia. Dati esattamente doppi, quelli della Provincia di Trento rispetto alla speculare Provincia di Bolzano. In Alto Adige, infatti, il numero delle persone positive al test del Coronavirus rimane a quota 2.580 mentre i morti (ormai a quota zero da diversi giorni) sono fermi a 290.

Dei 20 nuovi contagi di Trento, 12 casi sono con sintomi e 8 sono individuati con screening. Tra i contagiati vi sono 2 minorenni a domicilio e 9 ospiti di RSA.

 

Continua il trend in calo nei ricoveri: 42 sono oggi le persone ricoverate nei reparti a media e alta intensità degli ospedali trentini. Stabile è il numero dei pazienti ricoverati in rianimazione: 5 sono a Rovereto e 3 al Santa Chiara di Trento.

 

Sono 562 le persone curate a domicilio 3.628 le persone guarite o clinicamente guarite. Nelle ultime 24 ore in Trentino sono stati effettuati 1.539 tamponi di cui 707 letti da Apss e 832 da Cibio.

 

Ieri in Trentino erano stati rilevati 19 contagi e si segnalavano altri 2 morti per un rapporto contagi/tampone che si attestava a 1,18% di test positivi. Oggi il rapporto contagi/tamponi si attesta a quota 1,3%.

 

DECESSI

DataCasi
12/03/20201
13/03/20201
14/03/20200
15/03/20204
16/03/20201
17/03/20200
18/03/20200
19/03/20205
20/03/20201
21/03/202015
22/03/20207
23/03/20206
24/03/202015
25/03/202018
26/03/202012
27/03/202016
28/03/202018
29/03/20209
30/03/202018
31/03/202017
01/04/20209
02/04/202014
03/04/202017
04/04/20206
05/04/20207
06/04/202013
07/04/202014
08/04/202011
09/04/202013
10/04/20207
11/04/20209
12/04/20209
13/04/20207
14/04/202010
15/04/20208
16/04/20204
17/04/202020
18/04/20206
19/04/202012
20/04/20206
21/04/202010
22/04/20205
23/04/20201
24/04/20207
25/04/202011
26/04/20205
27/04/20202
28/04/20205
29/04/20204
30/04/20202
01/05/20205
02/05/20202
03/05/20204
04/05/20202
05/05/20203
06/05/20204
07/05/20201
08/05/20201
09/05/20201
10/05/20203
11/05/20202
12/05/20202
13/05/20201
14/05/20202
15/05/20203
16/05/20202
17/05/20200
Totale456

 

 

Questi i dati a ieri

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 11:09

Nel bollettino quotidiano sulla situazione Coronavirus in provincia di Bolzano, l'azienda sanitaria comunica che ci sono stati 183 nuovi casi di positività, su un numero di tamponi effettuati piuttosto basso. L'indice contagi/tamponi rimane attorno al 18%, mentre terapie intensive e ricoveri aumentano. Nella giornata di lunedì 30 novembre entra in vigore, nel frattempo, l'ordinanza che dà avvio alle riaperture

30 novembre - 10:14

Cambio al vertice della classifica della qualità della vita realizzata da Italia Oggi e Università La Sapienza di Roma. Una sorta di staffetta tra prima e seconda: quest'anno è Pordenone sul podio, seguita da Trento. Nella scorsa edizione le parti erano invertite

30 novembre - 10:19

Con Austria e Svizzera già attive o in procinto di aprire gli impianti, le regioni italiane cercano un punto di incontro col governo. Gli assessori: "La soluzione che proponiamo permette di avviare la stagione invernale con gradualità. Saremo in grado di sapere con precisione il numero degli avventori per ogni giorno e in questo modo potremo gestire al meglio l’afflusso e il deflusso agli impianti di risalita"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato