Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il governo verso un nuovo decreto che chiude in entrata e uscita la Lombardia

Il documento dovrebbe essere varato già questa sera, sabato 7 marzo, e secondo le prime indiscrezioni c'è il divieto di ingresso e uscita dalla Lombardia, ma anche da altre 11 province. Maggiormente attenzionate anche Emilia Romagna e Piemonte

Pubblicato il - 07 marzo 2020 - 21:00

ROMA. Nuove misure nazionali per contenere l'emergenza del coronavirus. In Trentino i contagi sono saliti a 18 nella giornata di oggi (Qui articolo), mentre il governo mette a punto un nuovo decreto.

 

Il documento dovrebbe essere varato già questa sera, sabato 7 marzo, e secondo le prime indiscrezioni c'è il divieto di ingresso e uscita dalla Lombardia, ma anche da altre 11 province. Attenzionate Emilia Romagna e Piemonte

 

Le province che diventano "zona rossa" sono Modena e Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti e Alessandria

Il decreto stabilisce nelle aree maggiormente a rischio la chiusura di tutte le palestre, piscine, spa e centri benessere.

 

I centri commerciali devono essere chiusi ma solo nel week end. Chiusi invece i musei, centri culturali e le stazioni sciistiche. In queste stesse aree le scuole restano chiuse fino al 3 aprile.

 

In Lombardia la situazione è difficile: i reparti di terapia intensiva sono al limite e si registrano nuovi contagi in tutta la regione, tanto che sono moltissimi gli appelli a restare a casa per evitare assembramenti. 

 

Sono 154 i decessi, 18 in più rispetto a ieri, mentre i positivi sono a 3.420, 808 in più rispetto a 24 ore fa, 524 le persone dimesse.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato