Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, 5 positivi a Cavalese e 4 casi a Civezzano. Ecco i 44 Comuni del contagio e dove sono avvenuti i 13 decessi

Sono 413 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 49 pazienti sono in terapia intensiva e 48 in alta intensità. Sono 136 i positivi comunicati a Ministero e Protezione civile pubblicati nelle tabelle. Sono stati trovati invece 279 casi tra i 57 nuovi positivi al molecolare e 222 contagiati risultati dai test antigenici

Di Luca Andreazza - 22 December 2020 - 20:06

TRENTO. Ci sono 20.912 casi e 933 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus da inizio epidemia, sono 17.881 i guariti da inizio emergenza e 2.098 gli attuali positivi al tampone molecolare. Sono stati, purtroppo, comunicati 13 decessi. Le morti sono state attribuite ai Comuni di Trento (8 vittime), Riva del Garda, Ledro, Dro, Primiero San Martino di Castrozza e Avio. Il bilancio è di 463 decessi in questa seconda ondata di Covid.

 

Sono 413 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 49 pazienti sono in terapia intensiva e 48 in alta intensità. Sono 136 i positivi comunicati a Ministero e Protezione civile pubblicati nelle tabelle: 57 nuovi positivi e 79 molecolari già antigenici. Sono stati trovati invece 279 casi tra i 57 nuovi positivi al molecolare e 222 contagiati risultati dai test antigenici (Qui articolo).

 

Nel dettaglio i risultati dei tamponi molecolari. A Trento sono stati trovati 52 contagi per 501 attuali positivi e 8 positività a Rovereto con 202 attuali positivi e Pergine (73 attuali positivi).

 

Ci sono 5 infezioni a Lavis (39 attuali positivi) e Cavalese (12 attuali positivi); 4 casi a Civezzano (27 attuali positivi); 3 contagi a Levico (26 attuali positivi).

 

Poi 2 contagi a Ledro (20 attuali positivi), Avio (10 attuali positivi) e Arco (56 attuali positivi), Mori (36 attuali positivi), Predazzo (9 attuali positivi), Mezzocorona (17 attuali positivi), Altopiano della Vigolana (14 attuali positivi), Vallelaghi (29 attuali positivi), Bedollo (4 attuali positivi), Roncegno Terme (29 attuali positivi), Calceranica ( 7 attuali positivi) e Sagron Mis (3 attuali positivi). 

 

E ancora 1 positivo a Riva del Garda (69 attuali positivi), Primiero San Martino di Castrozza (43 attuali positivi), Baselga di Pinè (8 attuali positivi), Ala (32 attuali positivi), Sella Giudicarie (30 attuali positivi), Castel Ivano (34 attuali positivi), Cavedine (5 attuali positivi), Castello Molina di Fiemme (3 attuali positivi), Giovo (8 attuali positivi), Fornace (9 attuali positivi), Volano (6 attuali positivi), Aldeno (9 attuali positivi), Campodenno (2 attuali positivi), Calliano (4 attuali positivi), Nago-Torbole (7 attuali positivi), Segonzano (8 attuali positivi), Valdaone (7 attuali positivi), Peio (6 attuali positivi), Scurelle (4 attuali positivi), Tre Ville (4 attuali positivi), Ziano di Fiemme (2 attuali positivi), Carzano (2 attuali positivi), Cimone (4 attuali positivi), Ronzo Chienis (7 attuali positivi) e Cinte Tesino (4 attuali positivi).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 January - 05:01

Nell'arco di due settimane si dovrebbe completare la seconda fase di somministrazione nelle Rsa Trentine. Nei prossimi giorni è stato chiesto un tavolo con la Provincia per ridiscutere assieme i protocolli di sicurezza e consentire una riapertura graduale delle strutture consentendo anche un ritorno degli abbracci

26 January - 07:54

Ieri a parlare è stato lo zio del giovane indagato per l’omicidio dei genitori e l’occultamento dei cadaveri dichiarando che secondo lui "Sicuramente non è stato un allontanamento volontario o un incidente" e sulla possibilità che i due corpi siano nel fiume ha dichiarato che potrebbe essere anche un depistaggio 

25 January - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato