Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, altri 9 morti e 65 nuovi casi. Il rapporto tamponi/contagio finalmente in leggero calo

Sale a 3.734 il numero dei casi totale in Trentino dall'inizio dell'epidemia. Il numero dei decessi con Covid-19 resta alto per un totale che si attesta a 293 morti sul territorio provinciale

Di Luca Andreazza - 12 aprile 2020 - 18:26

TRENTO. Più 65 nuovi contagi per un totale di 3.734 casi dall'inizio dell'epidemia in Trentino. Ci sono, purtroppo, altri 9 decessi, 6 dei quali avvenuti nelle Rsa. Numeri importanti anche per il giorno di Pasqua ma trend questa volta in leggero calo: sono stati effettuati 1.143 tamponi e il 5,6% è risultato positivo a Covid-19. I decessi salgono invece a 293 vittime

 

I casi oggi, 65 persone e 9 vittime, segue i 145 casi e 9 morti di ieri, i 93 casi e 7 decessi di venerdì 10, i 89 contagi 13 morti di giovedì 9, i 106 casi 11 decessi di mercoledì 8, i 125 casi e 14 vittime di martedì 7, i 69 casi e 13 vittime di lunedì 6, 58 casi e 7 decessi di domenica 5, 95 casi con 6 decessi di sabato 4, i 104 casi con 17 morti di venerdì 3, i 114 casi con 14 vittime di giovedì 2 e i 97 contagi con 9 decessi di mercoledì 1 aprile.

 

Ancora i 45 casi con 17 morti di martedì 31 marzo, i 102 positivi con 18 vittime di lunedì 30, 87 casi con 9 decessi di domenica 29, i 104 con 18 vittime di sabato 28, i 114 con 16 decessi di venerdì 27 e i 121 con 12 morti di giovedì 26. E i 177 casi con 18 vittime di mercoledì 25, quindi i 214 (martedì 24 con 15 morti), 131 (lunedì 23) e 173 (domenica 22), mentre il dato più alto in termini di nuovi contagi è stato toccato sabato 21 con 239 casi e 15 decessi.

 

I tamponi analizzati sono circa 600 in meno rispetto a ieri, ma cala la percentuale dei casi. Oggi sono stati verificati 1.143 tamponi per un 5,6% di positività. 

 

Ieri, sabato 11 aprile, sono stati analizzati 1.703 tamponi e l'8,5% è risultato positivo, quindi venerdì 10 sono stati verificati 1.179 tamponi per 93 casi (8%), mentre giovedì 9 ci sono stati 800 tamponi per 114 casi (14%), mercoledì 8 aprile sono stati verificati circa 1.000 tamponi con 106 casi per 10%, martedì 7 aprile circa 800 tamponi con 125 positivi per un rapporto che si attesta al 15,6%. Lunedì 6 sono stati eseguiti 654 tamponi con 69 nuovi casi (10,5%), domenica 5 con 699 tamponi 58 contagi (8,3%), quindi sabato 4 aprile sono stati analizzati 750 tamponi per 95 casi (12,6%). Nella giornata di giovedì 2 aprile i tamponi effettuati sono stati circa 800 per 114 casi (14%). 

 

Il numero delle persone positive a coronavirus è di 2.094 e nelle ultime 24 ore l'Alto Adige registra 53 nuovi casi. Sale invece a 204 il numero di decessi totali legati a Covid-19. Si registrano quindi quattro morti in più di ieri. Gli operatori dell’Azienda sanitaria positivi al test sono 211. A questi si aggiungono 11 medici di medicina generale e 2 pediatri di libera scelta. Sono 489 le persone guarite dal Covid-19 (Qui articolo). 

 

Le crescite maggiori in termini di nuovi contagi sono avute Brunico che si porta a 73 casi e Bolzano che si attesta a 445 casi, mentre Appiano raggiunge quota 142 casi e Laives a 90 casi. Un nuovo positivo a Badia (32 casi) e Merano (91 casi), San Leonardo in Passiria (36 casi), Selva val Gardena (45 casi) e Vipiteno (22 casi). Un decesso in più nelle ultime 24 ore a Bolzano che si porta a 44 morti dall'inizio dell'epidemia, ma anche a Brunico (5 vittime). Più 2 ad Appiano per un totale di 26 morti (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

22 ottobre - 12:31
Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato