Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la Baviera appoggia l'Italia sulla chiusura degli impianti. L'Austria pronta a chiedere alla Ue l'80% dei proventi come ristoro

La decisione del governo italiano e la richiesta di un fronte comune Ue agita l'Europa. La Slovenia si prepara, ma attende misure restrittive a Lubiana. Francia e Germania in stand-by. La stagione in Svizzera è già partita 

Di L.A. - 24 November 2020 - 18:47

ROMA. Lo stop all'industria delle neve per fronteggiare la diffusione dell'epidemia Covid-19 a Natale e Capodanno agita l'Europa. L'annuncio del governo è che fino alla fine di gennaio le stazioni sciistiche restano chiuse per evitare la propagazione del contagio come avvenuto a marzo scorso oppure a Ferragosto. Il premier Giuseppe Conte ha però evidenziato che ci deve essere un indirizzo comune a livello di Unione europea: inutile che l'Italia si fermi, se gli altri Paesi invece proseguono le attività.

 

Il presidente del Consiglio ha, infatti, avuto un colloquio con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, per parlare delle possibilità di vietare le attività sciistiche. 

 

L'Austria non condivide l'iniziativa italiana e l'intenzione è quella di aprire le piste da sci secondo il protocollo che vieta gli après-ski, se però l'Europa dovesse orientarsi per una restrizione generalizzata la richiesta è chiara: un ristoro dell'80% dei proventi, una misura in linea con quanto prevede Vienna in termini di risarcimenti agli esercizi commerciali chiusi. 

 

Molto possibilista la Baviera che appoggia l'ipotesi italiana ma serve un accordo europeo per un indirizzo chiaro e per mantenere aperte le frontiere. Il fronte però è ancora inevitabilmente frastagliato: la Francia decide entro 10 giorni se aprire la stagione, la Germania è in stand-by. La Svizzera invece è già partita, mentre la Slovenia si prepara all'inverno e le varie prenotazioni sono attive, ma Lubiana valuta alcune misure restrittive contro il contagio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 January - 10:59

Numeri del contagio in aumento in Alto Adige, dove nelle ultime 24 ore i nuovi positivi sono 175, a fronte di un indice contagi/tamponi salito all'8,64%. Due i decessi, che portano il bilancio da inizio pandemia a 811, 517 solamente da settembre. Crescono ricoveri e terapie intensive

18 January - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

18 January - 08:34

Con Renzi non viene solo espulsa la componente più avanzata del riformismo di sinistra ma si sancisce l’asse strutturale tra Pd e 5stelle il cui unico vero avversario era appunto Matteo Renzi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato