Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'Alto Adige torna a preoccupare: 21 casi in 48 ore e riapre la rianimazione Covid. Focolaio in un albergo di Sesto Pusteria

L'Azienda sanitaria altoatesina ha fatto partire l'indagine epidemiologica e a ieri risultavano già 9 persone positive legate allo stesso focolaio. Due persone si sono aggravate e sono tornate in rianimazione

Pubblicato il - 31 luglio 2020 - 11:40

BOLZANO. Ventuno positivi in 48 ore, 15 nelle ultime 24. Si complica la situazione in Alto Adige per quanto riguarda l'emergenza coronavirus. Ieri, dopo oltre un mese, ha riaperto il reparto di rianimazione Covid di Bolzano dove sono state ricoverate due persone (sono due pazienti tornati in terapia intensiva dal reparto normale a causa dell'aggravarsi delle loro condizioni) e un focolaio sta emergendo con forza a Sesto Pusteria in un albergo. 

 

Già ieri erano 9 i positivi legati a questo focolaio che sarebbe partito da un dipendente kosovaro che ha sviluppato i sintomi tipici del Covid. A quel punto è partito il processo delle tre T (testare, tracciare, trattare) che ha portato ad individuare diversi positivi tra i suoi colleghi e i loro familiari andando ad individuare contagi sia nella prima cerchia che nella seconda e in questi giorni stanno procedendo i tamponi sulle persone che possono essere entrate in contatto con loro. Di questi la maggior parte sono asintomatici anche se dei 9 già trovati ieri almeno 3 presentavano sintomi. E i controlli si allargano in queste ore anche ad altre strutture di Sesto Pusteria e potrebbero estendersi alla zona del bellunese.

 

E infatti il direttore dell'Ulss 1 - Dolomiti Adriano Rasi Caldogno spiegava così la situazione nella sua provincia: ''Nelle ultime 24 ore è stata registrata una positività Covid su segnalazione dell’Azienda Sanitaria di Bolzano. Si tratta di una persona residente nel nostro territorio, da tempo in Alto Adige per lavoro. La positività è stata riscontrata nell’ambito dei controlli di routine a seguito di una precedente positività in un collega di lavoro. il soggetto, asintomatico, è rientrato a domicilio senza venire in contatto con persona alcuna. Attualmente non vi sono indagini epidemiologiche in corso''. 

  

Nelle ultime 24 ore, comunque, l'Azienda sanitaria dell'Alto Adige ha identificato 15 nuove infezioni da coronavirus, su 1.109 tamponi effettuati. A livello provinciale l'Azienda sanitaria dell'Alto Adige informa che ad oggi (31 luglio) ha effettuato in totale 105.217 tamponi su 54.206 persone. Sono 614 le persone attualmente in quarantena obbligatoria o in isolamento domiciliare (dunque 64 persone in più rispetto ai dati comunicati ieri). 11.825 sono le persone che hanno già concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare. Finora sono 12.439 i cittadini ai quali sono state imposte misure di quarantena.

 

Persone ricoverate

Nei normali reparti dei sette ospedali dell'Azienda sanitaria, nelle cliniche private e nella base logistica dell'Esercito appositamente attrezzata a Colle Isarco sono ricoverati complessivamente 8 pazienti affetti da Covid-19.

Nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Bolzano sono ricoverati 2 pazienti affetti da Covid-19: si tratta di due pazienti tornati in terapia intensiva dal reparto normale a causa dell'aggravarsi delle loro condizioni.

 

Persone decedute

Il numero dei decessi legati a Covid-19 negli ospedali resta a quota 175 persone. Il numero dei decessi nelle case di riposo è di 117 persone. Si attestano quindi complessivamente a 292 le persone decedute in Alto Adige a causa del Covid-19.

Persone guarite e personale sanitario

 

Finora sono risultati positivi al test del coronavirus 234 operatori dell'Azienda sanitaria. È stata identificata una persona positiva presso l’ospedale di Merano. 232 di questi sono guariti. Guariti anche i 12 medici di medicina generale e i 2 pediatri di libera scelta che si erano infettati.

 

Sono quindi 2.323 le persone guarite dal Covid-19. A queste si aggiungono 875 persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. Il numero complessivo dei guariti fra sicuri e sospetti si attesta a 3.198.

I numeri in breve:

Tamponi effettuati ieri (30 luglio): 1.109

nuovi tamponi positivi: 15

numero complessivo dei tamponi effettuati: 105.217

numero delle persone sottoposte al test: 54.206 (+715)

numero delle persone positive al coronavirus:  2.717

pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri, nelle cliniche private ed a Colle Isarco: 8

numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 2

numero di pazienti Covid-19 ricoverati in reparti di terapia intensiva all'estero: 0

decessi negli ospedali dell'Azienda sanitaria: 175 (+0)

decessi nelle case di riposo: 117 (+0)

decessi complessivi (incluse le case di riposo): 292 (+0)

persone in isolamento domiciliare: 614

persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 11.825

persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento:  12.439

persone guarite: 2.323. A queste si aggiungono 875 persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. Totale: 3.198 (+5)

collaboratori dell'Azienda sanitaria positivi al test: 234 (+1), 232 guariti (+2)

medici di medicina generale e pediatri di libera scelta positivi: 14 (14 guariti).

Seguono a breve le tabelle dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 agosto - 05:01

La Giunta ha eseguito quanto previsto dal Governo Conte per ''risarcire'' coloro che avevano abbonamenti al servizio pubblico e non li hanno utilizzati per via dell'interruzione anticipata dovuta al Covid. Le modalità di ristoro sono differenziate per categorie di utenti (ecco i dettagli per le diverse classi di studenti e per i privati). Cgil, Cisl e Uil: ''Al di là delle buone intenzioni del governo nazionale sarebbe stato opportuno, però, che Roma finanziasse questa misura con risorse adeguate''

07 agosto - 16:27

Una delle conseguenze del lockdown è stato l'inevitabile allungamento dei tempi delle liste di attesa, in particolare per quelle prestazioni per le quali non è stato possibile ricorrere alla telemedicina. Oggi la Giunta provinciale ha dato mandato all'Apss di coinvolgere e responsabilizzare le strutture private accreditate e convenzionate con il servizio sanitario provinciale per contenere i tempi massimi di attesa delle visite

07 agosto - 17:43

Il Trentino sale a 5.614 casi e resta a 470 decessi da inizio epidemia. Sono 5 i pazienti con Covid-19 nel reparto di malattie infettive. Sono stati analizzati nelle ultime 24 ore 1.252 tamponi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato