Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, lutto nel mondo del ciclismo: Aldo Moser è morto a 86 anni: ''Campione di rara generosità''

Grande lutto nella comunità trentina e nel ciclismo italiano per la perdita di Moser, capostipite di una famiglia che ha scritto pagine importanti delle due ruote a livello internazionale

Di L.A. - 02 dicembre 2020 - 16:25

TRENTO. E' morto Aldo Moser. L'ex campione di ciclismo si è spento a 86 anni a causa di complicazioni legate a Covid-19.

 

Grande lutto nella comunità trentina e nel ciclismo italiano per la perdita di Moser, capostipite di una famiglia che ha scritto pagine importanti delle due ruote a livello internazionale. 

 

Una carriera lunghissima con 19 stagioni da professionista tra il 1954 e il 1974 con 12 successi: Moser ha corso anche con Fausto Coppi, i fratelli Francesco, Enzo e Diego.

 

Passista e specialista delle cronometro, Aldo aveva vestito per quattro volte la maglia dell'Italia ai Mondiali su strada a Frascati (1955), Waregem (1957), Reims (1958) e Mendrisio (1971).

 

Inoltre ha partecipato a 16 edizioni del Giro d'Italia, il miglior piazzamento è il quinto posto nel 1956, stagione nella quale è riuscito a vestire per due volte la maglia rosa.

 

Tra i suoi successi ci sono la coppa Agostoni nel 1954, il Gran premio industria e commercio di Prato nel 1955, due edizioni del trofeo Baracchi (1958 e 1959), il Grand prix des nations a crono nel 1959, la Manica-Oceano nel 1960 e la coppa Bernocchi nel 1963 dopo 70 chilometri di fuga solitaria. E' grandissimo il cordoglio per la morte di Aldo Moser nel mondo del ciclismo.

 

"Oggi è un giorno triste", commenta Roberto Paccher, presidente del Consiglio della Regione Trentino Alto Adige, che aggiunge: "La nostra terra perde il patriarca dei propri ciclisti. Campione di rara generosità, è riuscito a far appassionare al ciclismo generazioni di trentini che con orgoglio avevano trovato il loro campione. Sulle sue orme sono cresciute generazioni di ciclisti professionisti la cui più brillante stella è stato Francesco, suo fratello. Ma il merito maggiore è stato quello di aver avvicinato alla pratica ciclistica migliaia di ragazzi, affascinati dalla sua figura di esemplare faticatore del pedale".

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 26 settembre 2022
Telegiornale
26 set 2022 - ore 21:21
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
27 settembre - 17:34
Il caro energia pesa anche sui rifugi in quota. L'intervista a Magagnin, vicepresidente di Agrav: "Quest'anno bollette 7-8 volte maggiori [...]
Cronaca
27 settembre - 18:48
La tragedia è avvenuta nel bresciano, l'uomo stava svolgendo dei lavori di manutenzione quando è avvenuto il tremendo incidente 
Società
27 settembre - 15:54
Un'ampia offerta quella proposta da "Flower burger", che qualche giorno fa è approdato anche in via Verdi a Trento [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato