Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, troppi contagi e scatta lo screening per fasce d'età. La sindaca di Auronzo di Cadore: "Domenica 29 novembre si presentino le persone tra i 41 e i 65 anni"

Il Comune di Auronzo di Cadore, in accordo con l'Ulss Dolomiti 1 e la Regione Veneto, effettuerà uno screening sulla popolazione dedicato alle fasce d'età più sensibili al contagio. La sindaca Tatiana Pais Becher: "Si dovranno presentare le persone nate tra l'1 gennaio 1955 e il 31 dicembre 1979. Partecipate". Le operazioni, da svolgersi tutte nella giornata di domenica 29 novembre, riguarderanno 1250 persone

Di Davide Leveghi - 26 November 2020 - 10:06

AURONZO DI CADORE. Di fronte alla crescita inarrestabile dei numeri del contagio, la Regione Veneto appronterà nuove misure per affrontare la diffusione del virus. Dopo la pubblicazione di una nuova ordinanza che va a puntellare le restrizioni previste precedentemente, la novità consisterà in misure mirate su singole situazioni particolarmente problematiche. Tra queste, uno screening di massa per fasce d'età sulla popolazione di Auronzo di Cadore, nel Bellunese.

 

Tra le province più colpite in questa seconda ondata di contagi c'è indubbiamente quella di Belluno, che secondo quanto comunicato dall'azienda sanitaria regionale si trova in fase 5 per i ricoveri (in crescita) e in fase 4 per le terapia intensive. “Siamo in fase 5 per quanto riguarda i ricoveri in quasi tutte le province della regione – ha spiegato il presidente Luca Zaia in conferenza stampa – procederemo a gradini, visto che da 2500 a 6000 pazienti ricoverati la situazione cambia molto. Sulle terapie intensive siamo invece in fase 4”.

 

“Come annunciato dal presidente Luca Zaia, l'Ulss1 e la Regione Veneto, dopo aver predisposto un periodo di osservazione sull'andamento dei contagi nel Comune di Auronzo di Cadore passano ora dalle parole ai fatti – ha scritto in un post su facebook la sindaca del paese cadorino Tatiana Pais Becherl'annunciato screening alla popolazione verrà effettuato sulla fascia d'età compresa tra i 41 e i 65 anni nella giornata di domenica 29 novembre in località Taiarezze. Si raccomanda alla cittadinanza la massima partecipazione, per un risultato che possa essere più efficace possibile e per un ritorno alla normalità”.

 


 

Secondo quanto predisposto dall'Ulss 1 Dolomiti, il Comune di Auronzo sarà pertanto interessato da uno screening condotto “a favore di tutte le persone di età compresa tra i 41 e 65 anni, nati tra il 1 gennaio 1955 e il 31 dicembre 1979, circa 1250 in anagrafe”. Su una popolazione totale di 3129 abitanti, l'operazione lascerà escluse tutte le altri classi d'età non comprese e tutti i soggetti che attualmente si trovano in quarantena o che hanno già sviluppato il virus.

 

Deciso per porre fine ad un'ondata di contagi che da inizio ottobre ha interessato sempre più persone nel territorio comunale, lo screening, “alla luce dei risultati dell'indagine”, sarà “eventualmente esteso ad altre classi di nascita”. Per svolgerlo basterà presentarsi dalle 9.30 alle 13 di domenica 29 novembre al drive-in installato in località Taiarezze, in auto e muniti di tessera sanitaria e mascherina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 January - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 January - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato