Contenuto sponsorizzato

Dopo lo scontro frontale sulla tangenziale di lunedì oggi ha perso la vita uno dei feriti coinvolti

Si tratta di Guido Casarotto. L'uomo era a bordo di una delle due macchine che il 25 maggio si erano scontrate sulla strada provinciale 235 all'altezza di Lavis

Pubblicato il - 31 maggio 2020 - 19:23

LAVIS. Non ce l'ha fatta Guido Casarotto, l'uomo si trovava a bordo di una delle due auto che si sono scontrate frontalmente sulla tangenziale, all'altezza di Lavis, lunedì scorso. Troppo gravi le ferite riportate nell'impatto dall'uomo, classe '79 di Cittadella. Un incidente terribile che ha visto coinvolta un'altra persona e una bambina di 7 anni ricoverate anche loro in ospedale in gravi condizioni.

 

I fatti erano successi lunedì attorno alle 9 del mattino sulla strada provinciale 235 nella zona di Lavis. Due auto si sono scontrate frontalmente per un impatto violentissimo che ha fatto anche sbalzare i mezzi contro il guardrail e volare i pezzi a diversi metri di distanza.

 

 

Le auto si sono completamente distrutte e le tre persone che si trovavano a bordo sono rimaste incastrate fra le lamiere e sono state liberate grazie all'intervento delle pinze idrauliche dei vigili del fuoco di Lavis che si sono portati immediatamente sul posto.

 

 

Ad intervenire tre ambulanze e l'auto sanitaria e vista la gravità della situazione è stato fatto alzare da Trento anche l'elicottero con l'equipe sanitaria e il medico rianimatore che ha effettuato due rotazioni per trasportare i feriti all'ospedale Santa Chiara. Casarotto, purtroppo, non ce l'ha fatta ed oggi è venuto a mancare. Resta in condizioni difficili l'altra persona mentre la bambina di 7 anni non era in pericolo di vita.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 19:33

Il Comune di Grigno vuole offrire la possibilità a tutti i 2200 abitanti di fare il tampone, ora si attente il via libera della Provincia. Il sindaco Voltolini: “Abbiamo già uno spazio e la disponibilità di medici e infermieri volontari, basta che ci mandino i test necessari. Lo screening di massa? Strumento fondamentale per la gestione della pandemia

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 18:21

E' grande il cordoglio in Trentino per la scomparsa di una figura di primo piano per il territorio, un grande impegno che l'ha portato a essere insignito del titolo di "Maestro del lavoro" nel 2007

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato