Contenuto sponsorizzato

È Lucjan Elezi il 28enne trovato morto in casa: era stato colpito da coronavirus ma avrebbe dovuto fare il secondo tampone per certificare la sua guarigione

Solo 10 giorni prima il 28enne era stato dimesso dall’ospedale di Rovereto, il primo tampone era risultato negativo, avrebbe dovuto effettuare il secondo per certificare l’avvenuta guarigione. Gli amici: “Abbiamo il cuore spezzato, lo ricorderemo come un grande amico, indimenticabile per il suo animo umano, educato, saggio e gran lavoratore”

Pubblicato il - 01 aprile 2020 - 09:30

TRENTO. Al momento la causa di morte ufficiale è un’embolia polmonare che ha stroncato la vita di Lucjan Elezi, di origini albanesi ma da anni residente in Val di Fassa. Il condizionale è d’obbligo perché nelle prossime ore i medici dovranno effettuare degli ulteriori accertamenti dal momento che il giovane era stato colpito dal coronavirus.

 

Il 28enne, residente nel comune di San Giovanni di Fassa-Sèn Jan solo una decina di giorni fa era stato dimesso dall’ospedale di Rovereto. Dopo aver contratto il covid-19 infatti si era necessario un suo trasferimento in ospedale, ma Elezi aveva resistito e dopo il miglioramento era stato dimesso. Alcuni giorni fa il primo tampone era risultato negativo, il giovane attendeva di effettuare il secondo che ne avrebbe certificato l’avvenuta guarigione. Purtroppo però il giovane sarebbe stato colpito da un'embolia mentre si trovava in isolamento fiduciario all'interno delle propria abitazione. 

 

Da anni residente in Val di Fassa aveva lavorato prima nel settore edile, assieme ad alcuni parenti, dopodiché aveva trovato posto in un locale della zona fino a diventare in dipendente fisso del Rifugio Fredarola a Canazei, dove tutti lo ricordano come un gran lavoratore.

 

Elezi era arrivato in Val di Fassa dall’Albania dove aveva raggiunto il fratello e lo zio, poi era arrivata anche la moglie con la quale viveva. Gli amici lo descrivono come un fratello e su Facebook uno di loro scrive: “Abbiamo il cuore spezzato, lo ricorderemo come un grande amico, indimenticabile per il suo animo umano, educato, saggio e gran lavoratore”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

27 gennaio - 21:02

Il deputato della Lega ha incassato l'interessamento dell'associazione Millions of friend in Romania a valutare la possibilità di ospitare un orso attualmente rinchiuso al Casteller. Maturi: "Ora bisognerà comprendere le eventuali incombenze burocratiche e perfezionare eventuali accordi, ma possiamo serenamente affermare che da oggi c'è un cambio di passo"

27 gennaio - 19:08

Nella frazione tionese di Saone campeggia ancora una via dedicata al gerarca fascista Italo Balbo. Il responsabile trentino dell'Uaar Giacomini ha scritto una lettera aperta al Comune affinché si cambi: "E' una manganellata alla memoria dei trentini". Il sindaco di Tione Eugenio Antolini: "Se ci verrà posta la questione, valuteremo il da farsi"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato