Contenuto sponsorizzato

Entra in casa e violenta un'anziana di 80 anni, fermato il responsabile

E' successo nel veronese e grazie alle indagini portate avanti dai carabinieri nelle scorse ore è stato tratto in arresto l'autore del terribile episodio 

Foto archivio tratta da internet
Pubblicato il - 12 giugno 2020 - 09:23

VERONA. Sono stati momenti terribili per una donna di circa 80 anni della bassa veronese che è stata vittima di violenza sessuale.

 

Il terribile episodio, riportato quest'oggi anche dal quotidiano l'Arena, è avvenuto qualche sera fa.

 

Secondo una prima ricostruzione, la donna si trovava in casa da sola quando ad un certo punto un uomo, presumibilmente sotto l'effetto di alcol e droga, è riuscito ad intrufolarsi in casa e ad abusare dell'anziana.

 

Una violenza inaudita sulla povera 80enne. L'uomo è riuscito poi a fuggire dileguandosi. La donna ha avvertito le forze dell'ordine che si sono subito portate sul posto. Immediatamente i carabinieri hanno avviato le indagini. Le verifiche sono state rapide.

 

Nelle scorse ore i militari sono riusciti ad individuare il responsabile che è stato arrestato e trasferito in carcere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato