Contenuto sponsorizzato

Espulso dall'Italia viene ritrovato in stazione a Bolzano, 31enne fermato e arrestato

Il giovane era sprovvisto di qualsiasi documento ma grazie a dei controlli si è potuto scoprire che il giovane non sarebbe dovuto trovarsi in Italia in quanto, a seguito di un decreto di espulsione, era stato rimpatriato in Tunisia con l’aereo

Pubblicato il - 28 febbraio 2020 - 14:13

 

BOLZANO. Era stato rimpatriato in Tunisia con l'aereo ed è stato poi ritrovato nuovamente in Italia. A finire nei guai è stato un ragazzo di 31 anni che assieme ad un amico è stato fermato dalla polizia ferroviaria mentre si trovava alla stazione dei treni di Bolzano in una zona che non era consentita ai passeggeri.

 

Essendo il 31enne sprovvisto di qualsiasi documento è stato accompagnato negli uffici di Polizia e sottoposto a fotosegnalamento per stabilire l’esatta identità. Grazie agli accertamenti svolti in collaborazione con l'Ufficio immigrazione della questura, si è potuto scoprire che il giovane non sarebbe dovuto trovarsi in Italia in quanto, a seguito di un decreto di espulsione, era stato rimpatriato in Tunisia con l’aereo.

 

Non essendo in possesso di una speciale autorizzazione del Ministero dell’Interno per fare rientro in Italia, come previsto dalla normativa, è stato arrestato per aver violato il divieto e condotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 aprile - 20:45

A Bolzano i laboratori nelle ultime 24 ore hanno esaminato 941 tamponi e 59 sono risultati positivi, mentre in Trentino 125 contagi su 800 tamponi. Ruscitti: "Scontiamo anche che l'incidenza della popolazione anziana è maggiore rispetto a altre zone"

07 aprile - 21:24

E' grande il cordoglio per la scomparsa di un punto di riferimento per il settore, in particolare per i minori e le persone più fragili. E' stata primario, quando le donne al vertice erano ancora poche. Roberta Bommassar: "Ha messo una parola autorevole alla nascita dell’Unità operativa di psicologia, ha investito idee e energia in importanti progetti per i minori e per le persone fragili"

07 aprile - 19:45

Le vittime sono 9 donne e 5 uomini. Un numero ancora molto alto di contagi con altre 14 vittime sul territorio provinciale per un totale di 244 decessi con Covid-19. Sono 342 i pazienti guariti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato