Contenuto sponsorizzato

Fermata la ''Banda delle Bmw'', da un mese rompevano i vetri delle auto e rubavano gli interni: arrestati un 25enne e un 26enne

Prendevano di mira le auto con la stessa marca, la Bmw, otto gli episodi accertati in provincia, connotati dallo stesso modus operandi. L'indagine è stata portata avanti dai carabinieri di Rovereto 

Pubblicato il - 16 dicembre 2020 - 19:22

ROVERETO. Prendevano di mira sempre le auto di marca Bmw, rompevano il finestrino e dopo essersi intrufolati depredavano il mezzo di quasi ogni cosa con danni di non poco conto.

 

Una scorribanda che ora è finita perché i carabinieri di Rovereto, dopo una attenta indagine, sono riusciti a bloccare quella che ormai era conosciuta come la “Banda delle Bmw”.

 

Da circa un mese, una coppia di ladri moldavi imperversava in tutta la regione. Otto gli episodi accertati in provincia, connotati dallo stesso modus operandi. Oltre che in Trentino hanno colpito anche tra Bolzano e la Bassa Atesina (Salorno), a cavallo tra novembre e dicembre. 

 

Infranto con un corpo contundente il finestrino posteriore dell’auto, i due si introducevano nell’abitacolo e in pochissimi minuti riuscivano a smontare e asportare gli schermi e le componenti dell’impianto di navigazione, con danni consistenti per il proprietario e ai supporti delle vetture, non sempre facilmente riparabili.

 

I militari sono riusciti a individuare i responsabili e porre fine alle loro incursioni, procedendo al fermo dei due giovani: si tratta un 25enne e un 26enne, entrambi disoccupati e senza precedenti penali, che sono stati bloccati dai militari, mentre dopo l’ennesima scorribanda alla ricerca di auto da depredare stavano imboccando il casello autostradale dell’A22, di Rovereto Sud.

 

La successiva perquisizione dell’autovettura su cui si trovavano ha permesso di scovare un vano ricavato nel dispositivo della decapottabile, che era stato bloccato per impedirne l’accesso, anche volontario e al cui interno era nascosta la refurtiva dell’ultima scorreria.

 

Sul mezzo sono stati rinvenuti e sequestrati arnesi da scasso, componentistica Bmw, in parte già restituita ai legittimi proprietari e l’automezzo utilizzato dai due giovani.

 

Il giudice di Rovereto ha convalidato i fermi e disposto la custodia in carcere dei due indagati.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 settembre - 23:11
L'uomo è stato trovato ormai senza vita dai soccorritori dopo l'allarme lanciato dai familiari per un mancato rientro a casa. L'incidente è [...]
Cronaca
23 settembre - 19:36
Trovati 36 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 18 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui [...]
Cronaca
23 settembre - 19:02
Un minuto dopo il decollo da Folgaria si è verificato un guasto meccanico che ha determinato il distacco del portellone laterale destro. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato