Contenuto sponsorizzato

Fungaiolo non rientra a casa, trovato morto questa mattina. È l'80enne Fabio Cisana

E' stato rinvenuto in mattinata l'escursionista disperso nella giornata di domenica 2 agosto sui monti tra Lana e l'Alta Val di Non. Scivolato mentre cercava funghi, Fabio Cisana, classe 1937 di Ponte San Pietro (Bergamo), ha perso la vita nella caduta

Pubblicato il - 03 agosto 2020 - 10:45

SENALE-SAN FELICE. Si è conclusa tragicamente la ricerca dell'escursionista scomparso nella giornata di ieri nella zona di Passo Palade, sopra Lana. Fabio Cisana, classe 1937 e residente a Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo, si era allontanato dal proprio domicilio di vacanza, nel Comune di Fondo, in Val di Non, per raccogliere funghi, non facendo però ritorno e facendo così scattare le ricerche.

 

Interrotte a causa delle forti piogge, le ricerche, condotte dal soccorso alpino del Comune del Burgraviato, sono riprese nella mattinata di lunedì 3 agosto grazie al miglioramento delle condizioni meteorologiche. Attorno alle 7 il tragico ritrovamento: lungo un sentiero del Comune di Tesimo è stato rinvenuto il corpo dell'uomo.

 

Dall'autopsia è risultato che l'uomo, uscito appunto per raccogliere i funghi, sia scivolato, cadendo e perdendo così la vita.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato