Contenuto sponsorizzato

Giovane lupo investito e ucciso in Vallarsa, i forestali: “Era un maschio in buono stato di salute”

L’esemplare travolto da un veicolo nelle prime ore della mattinata aveva un’età compresa fra i 6 e i 7 mesi ed era in buono stato di salute. I forestali sostengono che chi ha investito l’animale non ha denunciato il fatto

Di T.G. - 17 November 2020 - 10:51

VALLARSA. La comunicazione relativa ad una carcassa di canide a bordo strada è arrivata questa mattina al servizio di reperibilità forestale che si è subito recato sul posto per verificare.

 

I primi esami condotti dal medico veterinario evidenziano che si tratta di un esemplare di lupo maschio che era in buono stato di salute del peso di 26 chilogrammi.

 

Il giovane lupo, di circa 6-7 mesi di età, è stato investito ed ucciso nelle prime ore di questa mattina lungo la strada provinciale 219 della Vallarsa, un paio di chilometri prima della località Speccheri, salendo da Rovereto.

 

Tutto fa pensare che la morte sia avvenuta per investimento, ad ogni modo verranno eseguiti degli accertamenti con ulteriori analisi. Chi ha investito l’animale non ha denunciato il fatto.

 

La carcassa è stata recuperata dal personale della stazione forestale di Rovereto e Vallarsa e consegnato al veterinario incaricato, per le verifiche del caso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 January - 12:01

Il criterio dei 10 anni di residenza per accedere agli alloggi Itea era stato definito dai giudici “discriminatorio”: ora la Corte di Appello ha bocciato anche il ricorso della Pat, con quest’ultima che dovrà pagare 50 euro di sanzione per ogni giorno di ritardo. L’assemblea Antirazzista: “È stato ristabilito un principio di equità e di antidiscriminazione contenuto nelle direttive europee”

16 January - 11:09

Continuano a essere molti i contagi registrati nelle ultime 24 ore in Alto Adige. Mentre si attende la risposta da Roma sulla scelta di mantenere in vigore le misure da zona gialla nonostante il collocamento in zona rossa, i nuovi positivi sono stati 436, 5 i decessi. A Dobbiaco proseguono le operazioni di screening, mentre nelle Rsa si raggiunge il 40% di vaccinati

16 January - 05:01

Il trascinarsi dell'epidemia da SarsCov-2 sta avendo effetti disastrosi sulla salute psichica. Numerosi studi confermano questo trend: isolamento, lutti, incertezze economiche sono solo alcuni degli aspetti presi in considerazione. Ermanno Arreghini, psichiatra e psicoterapeuta: "Attuare misure di protezione anche per i più fragili: senzatetto, disabili, pazienti psichiatrici"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato