Contenuto sponsorizzato

Guida ubriaco dopo la cena con gli amici, stangata da 15 mila euro e patente sospesa

E' successo ad un trentino che viaggiava su una strada della Valsugana di notte dopo aver trascorso la serata con gli amici. L'uomo si è opposto al pagamento del salasso e la vicenda è finita in tribunale

Foto archivio
Pubblicato il - 08 settembre 2020 - 08:14

TRENTO. Doveva essere una cena per ripartire, per ritrovarsi con gli amici dopo il lungo periodo di lockdown e per buttarsi alle spalle le settimane trascorse a casa a causa della pandemia covid19. Purtroppo, però, non è finita bene per un trentino che al ritorno a casa dopo una serata gli è stata ritirata la patente per due anni ma ha anche ricevuto un salasso da circa 15 mila euro.

 

La vicenda ora approderà davanti al giudice. L'uomo stava percorrendo la Valsugana di notte per tornare a casa dopo la serata trascorsa con gli amici e qualche bicchiere di troppo. Ad un certo punto, però, ha perso il controllo del mezzo finendo contro un guardrail. Fortunatamente non sono stati coinvolti altri automobilisti. Sul posto si sono portate, però, le forze dell'ordine che hanno sottoposto l'uomo all'alcoltest. Da qui il risultato. L'alcol che aveva nel sangue superava quasi 4 volte il limite stabilito per legge.

 

E' scattata quindi la denuncia per guida in stato di ebbrezza ed è arrivato anche un decreto di condanna di 15 mila euro oltre alla sospensione della patente per due anni. Il trentino, però, ha deciso di non pagare e di impugnare il decreto. La vicenda è finita in tribunale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 17:43

Gli 8 decessi sono quasi tutti avvenuti in ospedale (7) e 1 in RSA; si tratta di 5 donne e 3 uomini; l’età media è di 85 anni

27 novembre - 16:59

Secondo il monitoraggio svolto settimanalmente dal Ministero della Salute, tutte le regioni e province autonome italiane sarebbero al di sotto dell'1.5 di indice Rt. In attesa di capire le decisioni del governo, tutto il Paese sarebbe così "zona gialla". Ancora problematici i parametri dell'occupazione dei letti d'ospedale e del fattore rischio

27 novembre - 16:47

L’uomo, per gelosia, impediva alla compagna di condurre una vita quotidiana nei limiti della normalità, usando la violenza su di lei anche davanti ai figli piccoli

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato