Contenuto sponsorizzato

Il corpo di Silvano De Marco individuato alla base di un canalone: era precipitato per un centinaio di metri

Incidente in montagna, morto il documentarista Silvano De Marco. Il 65enne si trovava nella zona Passo Rolle quando è scivolato per un centinaio di metri in un canalone, la salma recuperata con l’elicottero sul monte Cavallazza

Pubblicato il - 13 novembre 2020 - 12:23

PASSO ROLLE. Il corpo senza vita di Silvano De Marco è stato individuato alle prime luci dell’alba di questa mattina, dopo che ieri, 12 novembre, il 65enne di Tesero si era avviato verso la zona di Passo Rolle per intraprendere un’escursione. La salma è stata rinvenuta alla base di un canalone sul monte Cavallazza (parte della catena del Lagorai), le ricerche erano cominciate già nella scorsa serata dopo che alcuni amici avevano denunciato il suo mancato rientro.

 

De Marco, documentarista e grande appassionato di fotografia, era uscito da solo in mattinata senza lasciare indicazioni precise riguardo il proprio itinerario. Gli amici, allarmati dal fatto che non rispondesse al telefono, hanno dato l’allarme poco dopo le 21. Da una prima ricostruzione, probabilmente per l’uomo è stata fatale una scivolata per oltre cento metri lungo un canalone di ghiaioni.

 

Le operazioni di ricerca sono scattate subito in serata facendo base alla caserma della Scuola alpina della guardia di finanza di passo Rolle, dopo il ritrovamento della macchina al passo Rolle. Il coordinatore del soccorso alpino ha fatto intervenire gli operatori della stazione San Martino di Castrozza che, in collaborazione con il Centro addestramento della polizia di Moena e le fiamme gialle, ha battuto i sentieri che portano dal passo Rolle al monte Castellazzo, al monte Cavallazza e ai laghi di Colbricon.

 

Nel frattempo i vigili del fuoco di San Martino di Castrozza hanno perlustrato le strade principali nella zona della Val Venegia, di Baita Segantini e Juribello. Le ricerche si sono protratte fino alle due di questa notte per riprendere alle prime luci di questa mattina con più di 40 operatori. Allertati anche due cani molecolari provenienti dalla Val di Non e dalla provincia di Bolzano che, al momento del ritrovamento, si trovavano in viaggio per il passo Rolle.

 

I soccorritori hanno ripercorso i sentieri battuti nella notte fino al ritrovamento, verso le 9.30, del corpo senza vita dell’uomo, alla base di un canalone della parete sud della Cavallazza Piccola. L’elicottero, che era stato chiamato per effettuare un sorvolo sulla zona, ha verricellato sul posto il tecnico di elisoccorso e il medico, il quale non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. Dopo il nullaosta delle autorità, la salma è stata recuperata a bordo ed elitrasportata al passo Rolle, per poi essere trasferita alla camera mortuaria di Fiera di Primiero.

 

De Marco, 65enne originario di Tesero, era un documentarista nonché grande esperto di fotografia e con la sua videocamera aveva realizzato emozionanti video della fauna alpina, muovendosi sempre con discrezione sul territorio. Le sue foto erano state utilizzate anche in alcuni libri dedicati ai camosci trentini ma anche alla Val di Fiemme e alla fauna del Lagorai.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato