Contenuto sponsorizzato

''Jj4 si è resa protagonista di un altro falso attacco a due forestali, per noi è pericolosa'', Fugatti e Zanotelli replicano al Tar

Dopo che l'ennesima ordinanza del presidente Fugatti è stata stoppata da un tribunale, in conferenza stampa il governatore leghista e la sua assessora hanno cercato di spostare la bilancia del giudizio sull'orsa con queste nuove rivelazioni

Di Luca Pianesi - 18 September 2020 - 13:51

TRENTO. Jj4 avrebbe fatto un falso attacco anche a due forestali. Questo quanto dichiarato oggi a margine della conferenza stampa di giunta dal presidente Fugatti e dall'assessora Zanotelli. Dopo l'ennesima sospensione di un'ordinanza del presidente Fugatti ad opera del Tar (solo per restare all'ambito orsi prima c'era stata la sospensione di quella che chiedeva l'abbattimento dell'orsa e negli scorsi giorni è arrivata anche la sospensione di quella di cattura) la maggioranza leghista sfodera un ''coniglio dal cilindro'' o un ''orso aggressivo dal bosco'' e riferisce che l'orsa che era stata protagonista dell'incidente del Peller a inizio estate (quando all'improvviso il plantigrado si era trovato faccia a faccia con padre e figlio cacciatori e dopo averli feriti era fuggita) qualche giorno fa avrebbe fatto un falso attacco, un breve inseguimento, a due forestali.

 

''La sospensione dell'ordinanza di cattura di Jj4 ci ha stupito - ha detto Fugatti - perché parliamo di un soggetto che ha aggredito due persone e quindi per noi è chiaro che è a rischio la tutela dell’incolumità pubblica. Jj4, poi, in seguito a quel fatto si è resa protagonista di un’altra situazione: un falso attacco a due forestali. La pericolosità di questo animale, secondo la giunta, c’è tutta. Di questo informeremo il tribunale amministrativo''. La storia di questo animale, in realtà dice tutt'altro: 14 anni di vita, vari cuccioli al seguito, uno degli esemplari più anziani del Trentino, e prima dell'incidente del Peller (così è stato descritto anche nella relazione post attacco) non era mai salita alla ribalta delle cronache per atteggiamenti aggressivi, confidenza o predazioni particolari mentre l'ordinanza del presidente Fugatti, palesemente, era stata mal costruita, non avendo seguito l'iter previsto dalla legge, non avendo atteso nemmeno l'indagine post aggressione.

 

Non basta, infatti, che un orso aggredisca un uomo per abbatterlo perché se quell'uomo va nel bosco a rompere le scatole all'orso magari inseguendolo o disturbandolo deliberatamente è evidente che la reazione dell'animale selvatico sarà misurata in maniera diversa da un orso che dal nulla attacca con istinto predatorio. Ora questo nuovo elemento aggiunto da Fugatti e Zanotelli dovrebbe far, in qualche modo, pendere la bilancia del giudizio su Jj4 per ''orso cattivo'' invece che ''orso buono''. Ma alla fine l'orso è soltanto un orso e anche di questo falso attacco bisognerà fornire elementi molto più accurati e definiti.

 

Ancora una volta un tema complesso è stato affrontato, dal punto di vista mediatico, in maniera approssimativa dall'amministrazione provinciale. Fortunatamente, però le normative sono chiare ed esistono i tribunali e magistrati che non si accontentano delle dichiarazioni a spot ma esigono prove e documentazioni. Per citare Bertold Brecht ''esiste un giudice a Berlino''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 09:45
Sono 1.367 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 21 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 130 guarigioni dal [...]
Cronaca
19 aprile - 06:01
Il meteo per questa settimana dovrebbe tenere, Peterlana: "Il bel tempo è fondamentale". Resta consentita la possibilità di accogliere i [...]
Cronaca
19 aprile - 08:30
Mieli Thun: “Siamo tutti certi che Andrea è e sarà in ogni ape che ci circonda, in ogni elemento della natura e in ogni respiro vitale che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato