Contenuto sponsorizzato

M49-Papillon intercettato mentre preda un asino, la Provincia: ''L'ordinanza emessa l'anno scorso è ancora valida''

La notte scorsa M49 è stato avvistato poco prima della mezzanotte a Molina di Fiemme dove è transitato in direzione di Carano e Daiano. La Pat: "L'avvistamento in centro abitato ha attivato la squadra di emergenza che, utilizzando i cani da orso, ha intercettato il plantigrado intento a predare un asino"

Di Luca Andreazza - 03 marzo 2020 - 17:21

TRENTO. "L'avvistamento di M49 in centro abitato ha attivato la squadra di emergenza che, utilizzando i cani da orso, ha intercettato il plantigrado intento a predare un asino", questa la nota della Provincia che aggiunge: "Si è allontanato sotto una forte nevicata. L’animale predato è ferito e sarà affidato alle cure di un veterinario".

 

La notte scorsa M49 è stato avvistato poco prima della mezzanotte a Molina di Fiemme dove è transitato in direzione di Carano e Daiano. Il plantigrado ha, inoltre, distrutto alcune arnie per recuperare sostanze nutritive fondamentali per avere energie dopo il periodo di letargo. "La squadra - comunica piazza Dante - ha in seguito avuto la possibilità di seguire ulteriormente lo spostamento del plantigrado, ancora grazie all’utilizzo dei cani, fino ai boschi situati a monte di questi paesi" (Qui articolo). 

 

Ora si attendono le prossime mosse della Provincia. Se è intenzionata ad aiutare gli allevatori della zona a convivere con l'orso che è arrivato in quella parte di Trentino solo perché la Pat è riuscita a farselo scappare dopo averlo portato nel recinto del Casteller a luglio dell'anno scorso.

 

Non solo, M49 già negli scorsi mesi era entrato e uscito dalla trappola tubo svariate volte, come confermato dalla stessa amministrazione a seguito di precise interrogazioni portate in aula. 

 

"Le azioni, assai valide sotto il profilo tecnico, hanno dimostrato di non essere efficaci su M49 il quale, si ricorda, è penetrato anche in questi ultimi giorni in alcune malghe poste in Vanoi e in val Calamento, forzando porte e finestre e provocando danni all’interno. E alla luce di tale comportamento, si ricorda che l’ordinanza del presidente della Provincia emessa lo scorso anno è tutt’ora valida", conclude la Pat.


 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 gennaio - 17:44
Sono stabili le ospedalizzazioni con una persona in più in terapia intensiva. I guariti superano i nuovi positivi
Cronaca
26 gennaio - 11:59
Durante le fasi d'arresto, non sono mancati i momenti di tensione, il giovane infatti ha opposto resistenza
Cronaca
26 gennaio - 16:03
Il 61enne da un anno e mezzo lottava contro le complicazioni causate da una puntura di zecca. Ricoverato all'ospedale di Belluno era riuscito a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato