Contenuto sponsorizzato

Nasconde la droga nelle mutande, tradito dal rigonfiamento “anomalo” sotto i pantaloni. Giovane arrestato dai carabinieri

Il 26enne aveva nascosto un etto e mezzo circa di cocaina nelle mutande credendo di farla franca, ma ai carabinieri non è sfuggito lo strano rigonfiamento. Il giovane è stato arrestato e la cocaina sequestrata

Pubblicato il - 19 giugno 2020 - 15:18

LAIVES-LEIFERS (BZ). Nel corso di un normale servizio esterno, i carabinieri di Laives avevano notato un giovane fermo, da solo, vicino alla fermata dell’autobus in via Kennedy. A quel punto i militari si sono avvicinati per informarlo del fatto che dopo le undici di sera avrebbe dovuto attendere a lungo l’arrivo di un mezzo pubblico.

 

Il giovane, dall’aspetto di uno studente universitario, ha risposto che stava aspettando l’autobus per andare a Merano dalla sorella che doveva partorire.

 

Insospettiti dalla strana giustificazione, i carabinieri hanno deciso di approfondire il controllo. Dopo aver visionato i documenti d’identità però non risultava nulla di anomalo né precedenti specifici a carico del giovane.

 

I due militari stavano quasi per andarsene quando uno di essi ha notato una strana escrescenza sotto la tasca destra dei pantaloni. Sospettando a questo punto che il soggetto nascondesse qualcosa lo hanno perquisito e nelle mutande gli hanno trovato un “sasso” di cocaina molto pura del peso di etto e mezzo di ottima qualità.

 

Il 26enne giovane è stato portato in caserma e dichiarato in stato di arresto, dopo la prima udienza il giudice ne ha disposto gli arresti domiciliari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

25 settembre - 12:43

Assia Belhadj si è candidata alle ultime regionali in Veneto con una civica a sostegno di Lorenzoni. E' stata attaccata violentemente sui social da migliaia di haters che l'hanno minacciata, insultata e in suo sostegno è intervenuto anche il vescovo di Belluno. Ora, a elezioni passate, ha deciso di denunciarli: ''In quanto responsabile di una associazione che aiuta le donne maltrattate ho sempre suggerito loro di fidarsi delle Istituzioni e di rivolgersi allo Stato. Senza però mai immaginare che un giorno a chiedere aiuto sarei stata io''

25 settembre - 17:31

Mentre in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola perché è emerso un focolaio tra gli studenti in Trentino rimangono stabili i ricoveri e non ci sono persone in terapia intensiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato