Contenuto sponsorizzato

''Noi ripartiamo", Alberto e Monica riaprono il rifugio Finonchio: ''Ci siamo ma solo con servizio d'asporto. Portatevi una coperta, abbiamo bei prati comodi''

E' vietato entrare nella struttura ma il pranzo al rifugio Finonchio viene dato d'asporto. Per la ripartenza sono stati preparati dei panini, delle torte e due piatti caldi che per oggi sono zuppa d'orzo e un piatto con würstel, polenta e crauti.

Di gf - 24 May 2020 - 11:26

FOLGARIA. “Ci siamo, riapriamo''. La grinta e l'entusiasmo dei rifugisti Alberto Giovannini e della moglie Monica Guerresi si percepiscono anche solo dal tono della voce. A partire da oggi hanno riaperto le luci del rifugio Finonchio.

La struttura è situata a 1.588 metri ed è stata inaugurata dalla Sat nel 1930. Ora che è stato allentato il lockdown Alberto e Monica hanno deciso di riprendere l'attività per dare un punto d'appoggio ai tanti escursionisti che in queste giornate di sole decidono di andare in montagna.

 

Si riparte, però, solo con un servizio d'asporto fatto dalle prelibatezze cucinate dai due gestori che hanno organizzato nel minimo dettaglio la struttura per rispettare le tante regole dettate per il contenimento del contagio da coronavirus.

“Il rifugio è interdetto a chiunque e non si può assolutamente entrare” ci spiega Alberto mentre è indaffarato a preparare da mangiare in cucina.

 

Il pranzo al rifugio Finonchio è solo d'asporto e per la ripartenza sono stati preparati dei panini, delle torte e due piatti caldi che per oggi sono zuppa d'orzo e un piatto con würstel, polenta e crauti.  “Ci siamo organizzati – ci spiegano i rifugisti – creando una sorta di pic nic bag all'interno della quale mettiamo una bibita, la mela o uno yogurt, il caffè e poi un panino o uno dei due piatti caldi”.

 

Le ordinazioni vengono prese dall'esterno attraverso una parete in plexiglass. Ogni visitatore può decidere di creare la propria 'borsa' e poi può stendersi nel prato a mangiare.  “Le panche e i tavoli che sono nelle pertinenze del rifugio non si possono usare. Qui siamo fortunati perché attorno abbiamo dei bei prati verdi e chi vuole può portarsi una coperta per sistemarsi comodi”.

Un ritorno non semplice che però vuole dare un ulteriore segno di speranza verso la normalità. Il prossimo weekend, spiegano i gestori, si proseguirà con il servizio d'asporto. “Poi vedremo come riusciremo ad organizzarci seguendo tutte le direttive. Non è semplice”.

 

Le restrizioni e la necessità del distanziamento hanno portato ad una riduzione a circa un terzo dei posti a sedere all'interno. Ma accanto a questo si devono seguire anche una serie di sanificazioni e altre operazioni che vanno a pesare inevitabilmente sul servizio.

 

Al momento a lavorare nel rifugio sono solamente Alberto e la moglie Monica. Non c'è ancora il personale. “Non so cosa faremo quest'anno – spiega il rifugista – ma sicuramente non potremo avere i numeri di aiutanti della scorsa stagione. Anche sui pernottamenti dobbiamo ancora leggere le linee guida che sono appena uscire”.

 

L'auspicio è che un po' alla volta ci si possa rialzare. “Gli escursionisti e la gente di montagna sono bravi e capiscono la situazione. L'importante è rispettare le regole e avere pazienza”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 07:38

Modifiche alle linee guida anche per quanto riguarda gli operatori: screening una volta in settimana e se non ci sono sintomi non servono test al personale che ha già contratto Covid-19 nei mesi scorsi. Francesca Parolari, presidente di Upipa: "Se aspettiamo l'insorgenza dei sintomi o aspettiamo la positività accertata di un operatore, rischiamo di non contenere il contagio. Dobbiamo agire su entrambi i fronti"

02 December - 09:48

L'ex senatrice e staffetta partigiana Lidia Menapace è stata ricoverata all'ospedale di Bolzano. Tantissimi i messaggi a sostegno rimbalzati sui social, dall'Anpi, di cui è membro del comitato nazionale, a Rifondazione comunista, partito che rappresentò al Senato tra il 2006 e  il 2008

30 November - 17:07

L’Ufficio meteorologia dell’Agenzia per la protezione civile spiega che la situazione è dovuta all’alternarsi di una serie notevole di fenomeni di alta pressione: “Il mese di novembre che sta per concludersi ha fatto registrare un numero eccezionale di ore di sole, il valore più elevato degli ultimi 35 anni”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato