Contenuto sponsorizzato

Precipita dalla ferrata e rimane bloccato a 2.600 metri rischiando l’ipotermia. Interviene il soccorso alpino

Intervento notturno per l’elicottero partito da Trento per salvare un escursionista che, cadendo, si è procurato una serie di ferite al volto e al torace trovandosi bloccato a 2.600 metri di quota e rischiando l’ipotermia

Foto d'archivio
Pubblicato il - 09 ottobre 2020 - 09:10

AGORDO (BL). Brutta disavventura per un turista di nazionalità polacca che nella giornata di ieri, 8 ottobre, si era incamminato per affrontare la ferrata Costantini. Sulla via del ritorno però, dopo aver superato le Creste delle Masenade ed essersi incamminato verso il Bivacco Ghedini è improvvisamente scivolato ruzzolando per alcuni metri.

 

Nella caduta l’uomo ha riportato alcuni traumi al torace e al volto, con il sopraggiungere della notte l’escursionista non è più stato in grado di incamminarsi sulla via del ritorno. Un problema non da poco visto che si trovava a circa 2.600 metri di quota in zona Moiazza.

 

Fortunatamente la macchina dei soccorsi si è messa in moto e una volta individuato il personale del soccorso alpino di Agordo è intervenuto. All’incirca alle 20e10 l’elicottero di Trento abilitato al volo notturno ha imbarcato un soccorritore di Agordo per guidare l’equipaggio nel punto in cui si trovava l’escursionista.

 

Una volta individuato, è stato recuperato dal tecnico di elisoccorso grazie al verricello e caricato a bordo per essere accompagnato in ospedale. L’uomo è stato salvato da un principio di ipotermia, ora si trova ricoverato ma non in pericolo di vita.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 19:51

Sono 250 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 37 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 2 decessi, ma si aggiungono le 30 vittime in Rsa. Sono 47 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

24 gennaio - 17:45

Sale il numero dei pazienti in ospedale, stabile quello delle terapie intensive. Altri 2 decessi. Sono state registrate 7 dimissioni e 39 guarigioni nelle ultime 24 ore

24 gennaio - 17:44

Una tragica dimenticanza, un vuoto comunicativo che aggiorna ulteriormente il difficile bilancio dell'emergenza coronavirus in Trentino. Oggi il report riporta di altri 2 decessi, ma il totale sale a 726 vittime nella seconda ondata di Covid-19 e si porta a 1.196 morti da inizio epidemia a seguito di una verifica interna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato