Contenuto sponsorizzato

Prende fuoco una falciatrice e le fiamme si propagano per il prato e il bosco circostante. Un centinaio i pompieri intervenuti per evitare il peggio

Una falciatrice in fiamme ha rischiato di provocare un enorme incendio in un prato fra i Comuni altoatesini di San Pietro e Laion. Il fuoco infatti si è immediatamente propagato al prato secco e al bosco limitrofo. Massiccio l'intervento dei vigili del fuoco, intervenuti con diverse squadre e circa un centinaio di uomini

Pubblicato il - 27 November 2020 - 16:11

LAION. Da un macchinario difettoso andato in fiamme poteva nascere un incendio ben più grave e di dimensioni incontrollate. Fortunatamente, però, l'intervento dei vigili del fuoco di diverse squadre, da Laion a Chiusa, da Albions a Roncadizza, fino al corpo di Ortisei, ha impedito che ciò accadesse.

 

L'incidente è avvenuto nella giornata di venerdì 27 novembre in un prato tra i Comuni di San Pietro e di Laion. Una falciatrice ha preso fuoco, ma le fiamme si sono immediatamente propagate a tutto ciò che stava intorno. E così, il prato secco su cui si stava lavorando, è stato a sua volta divorato dalle fiamme, che in men che non si dica si sono estese anche al bosco limitrofo.

 

Massiccio l'intervento dei vigili del fuoco, intervenuti in un centinaio di uomini circa per evitare che quel piccolo incidente si trasformasse in un grave incendio. Nel giro di poco, il tempestivo intervento ha permesso di controllare le fiamme e di domarle. Per evitare che dei focolai potessero alimentare nuovamente il fuoco, la zona è stata ampiamente bonificata.

 

Le operazioni sono così durate alcune ore. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 January - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 January - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

20 January - 19:12

Nell'ultimo confronto Stato-Regioni si è parlato dei tagli della Pfizer nella fornitura dei vaccini: "Abbiamo manifestato il nostro sconcerto". Un altro argomento è stato quello dei ristori. "Auspichiamo che il governo in carica sappia rispettare gli accordi presi con le categorie economiche. Non ci sono ancora garanzie e questo ci preoccupa". Il punto sui test salivari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato