Contenuto sponsorizzato

Rapina un uomo gettandolo a terra e colpendolo con calci e pugni. Arrestato un 39enne

E' avvenuto a Trento nella serata di lunedì 2 marzo, quando alla caserma dei carabinieri del capoluogo giungeva una richiesta d'aiuto per una rapina. In via Torre Vanga un uomo aggrediva un connazionale, sottraendogli delle torce e delle cuffie. Grazie all'identikit offerto dalla vittima, però, il responsabile è stato facilmente individuato. Fermato, è stato tratto in arresto per rapina e porto abusivo di armi

Pubblicato il - 03 marzo 2020 - 18:05

TRENTO. Erano da poco passate le 20 di lunedì 2 marzo, quando alla centrale operativa dei carabinieri di Trento giungeva la richiesta d'aiuto di un uomo che lamentava d'essere stato rapinato. Il malcapitato raccontava ai militari giunti sul posto di essere stato bloccato all'altezza di via Torre Vanga da un individuo che lo strattonava facendolo cadere a terra e colpendolo con calci e pugni mentre si trovava a terra.

 

Il malvivente riusciva a quel punto a sottrarre al malcapitato tre paia di cuffie per telefono e due torce, allontanandosi immediatamente. Il pronto intervento delle pattuglie della mobile permetteva, grazie all'accurata descrizione fornita dalla vittima, di risalire al responsabile, bloccato in piazzetta 2 settembre.

 

Condotto alla caserma di via Barbacovi, a seguito delle perquisizioni, il soggetto veniva trovato in possesso del maltolto, nonché di un coltello e di una modica quantità di marijuana. Al termine delle formalità di rito, il 39enne, anch'egli di cittadinanza tunisina, veniva tratto in arresto con l'accusa di rapina e di porto abusivo di armi o oggetti atti a offendere, e trattenuto in caserma a disposizione dell'autorità giudiziaria.

 

Nella tarda mattinata di martedì 3 marzo, nella sede del Palazzo di Giustizia di Trento, veniva quindi sottoposto al rito per direttissima, concluso con la condanna ad un anno e sei mesi di reclusione e 1000 euro di ammenda. Conseguentemente è stato quindi accompagnato al carcere di Spini di Gardolo e segnalato in via amministrativa al commissariato del governo quale assuntore di stupefacente.

 

La refurtiva, di contro, veniva restituita al legittimo proprietario.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 11:45

I due consiglieri provinciali hanno sfoderato uno l'immagine del Grinch l'altro quella trita e ritrita del ''sindacalista di sinistra'' ma il capolavoro è dell'assessore al turismo che parla di ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''. Proprio lui autore della legge sulle chiusure domenicali nel momento dove serviva spingere al massimo l'economia e che ha direttamente bollato Trento e molte altre località come ''non turistiche''

20 ottobre - 11:25

Le due deputate pentastellate Doriana Sarli e Carmen Di Lauro sono riuscite "dopo quasi dieci ore di attesa" a entrare nel centro del Casteller. Giunte per "constatare la situazione dei 3 orsi", si erano viste negare l'accesso dalla Provincia e dai gestori, rivolgendosi allora ai carabinieri di Trento. "Abbiamo verbalizzato una denuncia. Gli orsi stanno bene ma gli spazi sono inadeguati. Devono essere liberati"

20 ottobre - 11:57

Il bollettino Coronavirus dell'Azienda sanitaria altoatesina conta oggi ben 209 casi in più. Un numero altissimo, mai registrato in 24 ore. Il tasso contagi/tamponi schizza così all'11,5%, con un bilancio provvisorio che cresce e supera i 5000 contagiati da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato