Contenuto sponsorizzato

Ribalta le arnie e lascia la sua impronta: avvistato M49

Durante la notte, il plantigrado più ricercato d'Italia, avrebbe distrutto alcune arnie per nutrirsi nella zona di Daiano, in Val di Fiemme. Ora dovrebbe trovarsi in provincia di Bolzano. D'altronde la scarsa presenza umana non gli può che fare comodo, lasciandogli maggiore libertà e tranquillità

Di Davide Leveghi - 16 marzo 2020 - 15:17

CAVALESE. Mentre i trentini si trovano in gran parte chiusi in casa a causa delle restrizioni imposte per bloccare la diffusione del virus Covid-19, indisturbato sulle montagne trentine è tornato a farsi notare l'orso M49. L'ultima apparizione, testimoniata dal ribaltamento di qualche arnia, sarebbe avvenuta nella notte di domenica 15 marzo, attorno alla zona di Daiano, nel Comune di Ville di Fiemme.

 

 

Le segnalazioni dei cittadini, racconta l'appassionato di orsi e lupi della Val di Fiemme Paolo Scarian, dimostrerebbero che l'orso M49-Papillon, al centro di una vicenda da film con la fuga a luglio dal rifugio del Casteller, si starebbe muovendo nella zona tra Aldino, in Alto Adige, e le località di Daiano, Carano e Varena, in Val di Fiemme. La scarsa presenza di esseri umani sul territorio, causa restrizioni sugli spostamenti, ne favorirebbero l'attività. A testimoniarlo sarebbero appunto le arnie ribaltate e le impronte lasciate nella neve.

 

La forestale, ad ogni modo, monitora i suoi spostamenti quotidianamente. In questo momento si dovrebbe trovare in Alto Adige. La "palla", pertanto, passa ai forestali della Provincia di Bolzano.

 

Dall'inizio dell'anno la sua ricomparsa dal letargo è stata notata a Castello di Fiemme, dove attorno al principio del mese il suo passaggio è stato annunciato dal latrare notturno dei cani, dalla distruzione di alcune arnie – da cui,goloso di miele, trae energie dopo la lunga “dormita” - e dalle impronte. A seguito della tentata predazione di un asino, la Provincia di Trento aveva comunicato come fosse ancora in vigore l'ordinanza di abbattimento qualora di avvicinasse alle case.

 

A gennaio, la stessa Provincia e l'assessora competente Giulia Zanotelli, erano state al centro di polemiche dopo l'ammissione dell'entrata ripetuta del plantigrado nella trappola-tubo (QUI e QUI gli articoli). La saga dell'orso più ricercato d'Italia, dunque, pare destinata a proseguire.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 aprile - 11:52

Il caso è successo nelle Giudicarie Esteriori. A segnalare la presenza del Taxi alle forze dell'ordine dei residenti e la polizia locale ha intercettato il mezzo

03 aprile - 06:51

Sono anche tanti i professionisti ormai in pensione che hanno deciso di tornare tra le corsie d'ospedale per far fronte all'emergenza. Tra questi c'è Marina Cologna, in pensione da due anni ma che lunedì tornerà al Santa Chaira ed era nella commissione di laurea dei nuovi infermieri: "Trovo sia il minimo quello di mettermi a disposizione per alleggerire il carico ai colleghi che lavorano 13 ore al giorno. Mi impegnerò per dare tutto il mio contributo come faranno i neolaureati e come fanno gli infermieri che ogni giorno sono in trincea"

02 aprile - 18:01

L'arcivescovo Lauro tornerà in cattedrale per guidare, alle 15, la meditazione sulla Passione, come accaduto dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Domani sera i giovani collegati via web guideranno la via Crucis cittadina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato