Contenuto sponsorizzato

Ripresi in diretta mentre abbandonano i rifiuti: rintracciati sulle piste da sci dalla polizia locale della Val di Fassa

Multato un turista che aveva abbandonato sacchi della spazzatura contenenti rifiuti differenziati e avanzi di cibo. La locale: “Soprattutto in questo momento la pulizia esterna è importante quasi quanto lavarsi le mani”

Pubblicato il - 07 marzo 2020 - 15:38

MOENA. È stato sicuramente un lavoro di ricostruzione certosino quello messo in piedi dalla polizia locale della Val di Fassa per rintracciate due persone che aveva abbandonato sacchi dell’immondizia per strada.

 

Il tutto è iniziato quando, l'operatore della centrale operativa, grazie alle telecamere di sorveglianza live, ha visto il comportamento sospetto di uno dei due individui che stava tentando di forzare quello che doveva essergli sembrato un cassonetto. In realtà si trattava di un bidone per la ghiaia utilizzato in caso di necessità dagli operai comunali.

 

Una volta resosi conto che i due avevano abbandonato alcuni sacchi dell’immondizia l’operatore ha avvisato la pattuglia che era impegnata in un giro di perlustrazione all’esterno. Nel frattempo altri vigili urbani attrezzati di tutto punto, mascherine, guanti e occhiali di protezione per il pericolo coronavirus, hanno verificato il contenuto dei sacchi.

 

“In questo particolare momento dobbiamo stare molto attenti che non venga abbandonato materiale potenzialmente infettivo”, spiega il comandante della polizia locale. Fortunatamente nei sacchi era contenuta immondizia differenziata e avanzi di cibo, anche per questo si è proceduto solo con una sanzione amministrativa senza andare sul penale.

 

Ad ogni modo, per scoprire i colpevoli gli agenti hanno dovuto pazientemente ricostruire il tragitto seguito dall’auto, “abbiamo incrociato alcune lettere della targa che risultavano visibili, con i modello di auto, e grazie a delle altre telecamere abbiamo ricostruito il tragitto”.

 

L’auto delle due persone è stata avvistata mentre si avviava verso passo Lusia. Riconosciute grazie alle due giacche a vento riprese dalle videocamere il trasgressore è stato fermato in prossimità dell’impianto di risalita. Una volta fermati i responsabili sono stati identificati, si trattava di due turisti, in particolare uno dei due è stato sanzionato con una multa per aver infranto il regolamento di igiene ambientale del Comune. “Bisogna controllare anche le piccole cose – precisa il comandante – i regolamenti comunali vanno fatti rispettare soprattutto in questo momento, la pulizia esterna è importante quasi quanto lavarsi le mani”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 19:56

Sono stati, purtroppo, comunicati 3 decessi tra Trento, Baselga di Pinè e Ville d'Anaunia: 17 morti in 13 giorni e 18 vittime in questa seconda ondata di Covid-19. Il bilancio complessivo è di 7.649 casi e 488 decessi in Trentino da inizio emergenza

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

22 ottobre - 18:07
Sono stati analizzati 1.231 tamponi, tutti letti dal laboratorio di microbiologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento, 153 i test positivi. Il rapporto contagi/tamponi si alza a 12,4%. E' stata sospesa l'attività di verifica tamponi ai laboratori della Fondazione Mach a causa dell'infezione che è arrivata nella struttura di San Michele
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato