Contenuto sponsorizzato

Scontro tra gruppi in centro a Trento, un ragazzino preso a calci in testa rimane a terra. Momenti di paura per i residenti, Maschio: ''Minuti spaventosi''

E' successo ieri pomeriggio in vicolo Bellesini. Due gruppi di ragazzi, per la maggior parte minorenni, si sono scontrati. Un'aggressione verbale diventata poi fisica. Due giovani di 17 e 18 anni sono stati soccorsi dall'ambulanza. Il consigliere comunale Andrea Maschio: "Una violenza mai vista, residenti spaventati"

Di gf - 07 giugno 2020 - 10:44

TRENTO. Prima le urla poi le botte, i versi di rabbia e le risate di chi stava a guardare da lontano. Alcuni quasi eccitati dal vedere una simile aggressione.

 

E' stato un pomeriggio d'inferno quello che hanno vissuto ieri  i residenti del centro di Trento. Quelli che abitano lungo vicolo Bellesini. La strada che da via Cavour porta proprio davanti al Sacro Cuore.

 

Il fatto è accaduto attorno alle 16 sotto gli occhi del consigliere comunale Andrea Maschio del movimento Onda che ha denunciato l'episodio su Facebook (dopo ovviamente averlo segnalato fatto alle forze dell'ordine) oltre ad avere ripreso una parte dell'episodio. Due ragazzi, un minorenne e uno di appena 18 anni, sono stati portati in ospedale.

 

Maschio ce lo racconta al telefono ed è spaventato per quello che ha visto, per la rabbia sprigionata da questi ragazzini e per la violenza con la quale si colpivano.

 

E' successo, come già detto, in vicolo Bellesini. Due squadre di ragazzi, italiani e di diverse nazionalità, per la maggior parte minorenni, si sono affrontati. “Sono due gruppi conosciuti – spiega Maschio – ed è risaputo che assumano atteggiamenti del genere pericolosi. Quando ho sentito urlare ho cercato di capire cosa stesse accadendo e ho visto una cinquantina di giovani”.

 

L'aggressione sembra sia scaturita per motivi di gelosia per una ragazza. Nei filmati realizzati dal consigliere comunale di Onda si vedono i giovani che si riuniscono in vicolo Bellesini. Una sorta di incontro per “saldare un conto”. Prima iniziano le grida tra i due gruppetti e poi dall'aggressione verbale si passa a quella fisica che ha visto il coinvolgimento di due ragazzi. “Questi due – racconta Maschio – se ne sono andati in un luogo più riparato, dietro ad un angolo, e hanno iniziato a riempirsi di botte. Ho visto un ragazzo steso a terra e l'altro che gli dava un calcio in testa. E' stato terribile, ho chiamato subito la polizia locale”.

 

Mentre l'aggressione avveniva, da lontano altri guardavano. Ridevano, si divertivano a vedere così tanta violenza. Un po' alla volta, uno dopo l'altro, i ragazzi se ne sono andati. Sul posto sono rimasti solamente i feriti e pochi altri sentiti dalle forze dell'ordine che sono intervenuti in pochissimo tempo. In due sono stati presi in carico dai sanitari.

 

“L'aggressione è stata spaventosa” sottolinea Andrea Maschio. “I residenti si sono spaventati per una violenza simile avvenuta proprio in centro città e, sapendo che sono consigliere, mi hanno chiesto di proporre delle telecamere, degli interventi che possano in qualche modo siano sia deterrenti che utili per individuare chi fa nascere queste situazioni. Io credo che si debba anche intervenire con azioni di sensibilizzazione che vedano il coinvolgimento di scuola, commercianti, ristoratori e famiglie”.

 

Il fatto avvenuto in vicolo Bellesini è stato portato a conoscenza anche al sindaco di Trento Alessandro Andreatta.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 10:04

I dati sono stati forniti dall'azienda sanitaria altoatesina che ha analizzato 1479 tamponi. Sono 26 le persone ricoverati in ospedale 

26 settembre - 11:03

Stefano Rossi, co-proprietario con il fratello Lorenzo del negozio di dolciumi Indal, è scomparso all'età di 56 anni. Il ricordo dell'Aquila Basket: "Stefano è una colonna di questa famiglia fin dai tempi lontani. Uno di quelli che ha sempre dato con generosità a favore della comunità senza chiedere nulla in cambio. Era una persona buona, leale, un imprenditore serio e capace"

26 settembre - 05:01

I deputati Sutto e Binelli alle comunali hanno raccolto rispettivamente 45 e 113 preferenze, avrebbero dovuto tirare la volata ma alla fine sono stati trascinati in Consiglio dai candidati locali. Male le candidate sindache leghiste Cattoi ad Ala, Ceccato a Lavis e Parisi a Comano: nessuna supera supera il 30%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato