Contenuto sponsorizzato

Sversamento sospetto, nel Sarca compare una schiuma bianca non identificata. L’assessore: “Raccolto un campione per analizzarlo”

Una schiuma misteriosa nelle acque del Sarca, l’assessore all’ambiente: “Si tratta di un versamento temporaneo e di cui è stato raccolto un campione che sarà analizzato in laboratorio, probabilmente qualcuno ha lavato qualcosa e poi ha scaricato nelle acque bianche”

Di T.G. - 13 November 2020 - 11:56

ARCO. A lanciare l’allarme, ieri 12 novembre, è stata l’associazione Amici della Sarca che ha fotografato una strana schiuma bianca che galleggiava sulla superficie del fiume Sarca, più precisamente all’altezza della passerella vicino al vecchio oratorio di Arco. “Che cosa c’è nel fiume e soprattutto da dove arriva? La sicurezza non è solo fare proclami, tagliare vegetazione e alzare argini”, hanno scritto gli attivisti sui social.

 


 

Non appena è arrivata la segnalazione anche l’amministrazione comunale si è attivata per cercare di scoprire l’origine e l’entità dello sversamento. Già ieri, l’ufficio ambiente del Comune si è messo all’opera e come spiega l’assessore all’edilizia, attività economiche e ambiente Gabriele Andreasi: “Si tratta di un versamento temporaneo e di cui è stato raccolto un campione che sarà analizzato in laboratorio”.

 

Per maggiori risposte dunque si dovrà attendere alcuni giorni, il tempo necessario per analizzare la sostanza. Nel mentre si possono fare solo delle ipotesi: A primo impatto sembra una schiuma dovuta a qualche lavaggio – sottolinea l’assessora – probabilmente qualcuno ha lavato qualcosa e poi ha scaricato nelle acque bianche. Comunque una volta che si avranno le analisi si potrà capire meglio”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 January - 20:37

Le difficoltà in ambito scolastico sono molte a causa dell'emergenza Covid-19. A fronte delle enormi incertezze e il ricorso alla didattica a distanza, che non sempre incontra il gradimento di famiglie e studenti, molti studenti hanno comunque deciso di investire sul proprio futuro per un'esperienza formativa all'estero

20 January - 15:57

Per tentare di eludere il controllo dei carabinieri un uomo e una donna, che trasportavano 10 panetti di cocaina, hanno presentato una falsa autocertificazione. Una volta scoperti entrambi sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio e false dichiarazioni a pubblico ufficiale ma sono stati pure sanzionati per non aver rispettato le misure anti-Covid

19 January - 13:58

Attraverso una serie di aziende cartiere creavano falsi crediti tributari che i clienti potevano comprare per diminuire i propri debiti verso l'erario. I soldi ottenuti venivano poi ripuliti all'estero tramite banche straniere

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato