Contenuto sponsorizzato

Terremoto in Federcoop, si dimettono altri nove consiglieri: decade il Consiglio d'amministrazione

Questo blocco arriva dopo le dimissioni Paolo Spagni, già dirigente del dipartimento industria della Provincia, recapitate alla Federcoop ieri. Ora si apre una nuova fase elettorale, gestita direttamente dal collegio sindacale

Di L.A. - 11 febbraio 2020 - 20:28

TRENTO. Terremoto alla Federazione trentina della cooperazione, nove consiglieri hanno rassegnato le dimissioni e così il Cda è decaduto.

 

Oggi, martedì 11 febbraio, hanno alzato bandiera bianca Alberto Carli, Marina CastaldoSerenella Cipriani, Paola Dalsasso, Paolo Fellin e Italo Monfredini, Germano Preghenella, Luca RigottiRoberto Simoni

 

Questo blocco arriva dopo le dimissioni Paolo Spagni, già dirigente del dipartimento industria della Provincia, recapitate alla Federcoop ieri, lunedì 10 febbraio, insieme a una lettera particolarmente dura sulla gestione del Consiglio nella quale emerge un Cda ridotto a spettatore di scelte personalistiche. 

 

Queste dieci dimissioni, unite a quelle dei giorni scorsi di Marco Misconel, Arnaldo Dandrea Antonio Pilati (consiglieri del credito - qui articolo), portano a far decadere il consiglio. Il Cda è, infatti, composto da 23 membri, compreso la presidente. 

 

La maggioranza si è dimessa e il Consiglio d'amministrazione, eletto nel 2018 e composto da 23 membri compresa la presidente, è così crollato.

 

Una frattura che segue un lungo periodo travagliato e teso, cominciato già a inizio mandato della presidente Mattarei. 

 

Ora si apre una nuova fase elettorale, gestita direttamente dal collegio sindacale. Le operazioni sono affidate alla presidente Patrizia Gentil.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 agosto - 10:59

Come previsto è accaduto quello che doveva accadere: una norma senza né capo né coda fatta nel modo e nei tempi più sbagliati possibili è stata impugnata dal consiglio dei ministri. Ovviamente va a ledere l'articolo 117 della Costituzione ''eccedendo dalle competenze statutarie e violando la competenza esclusiva dello Stato in materia di concorrenza''

08 agosto - 05:01

La Giunta ha eseguito quanto previsto dal Governo Conte per ''risarcire'' coloro che avevano abbonamenti al servizio pubblico e non li hanno utilizzati per via dell'interruzione anticipata dovuta al Covid. Le modalità di ristoro sono differenziate per categorie di utenti (ecco i dettagli per le diverse classi di studenti e per i privati). Cgil, Cisl e Uil: ''Al di là delle buone intenzioni del governo nazionale sarebbe stato opportuno, però, che Roma finanziasse questa misura con risorse adeguate''

08 agosto - 10:10

Il gruppo, composto da adulti e bambini , è stato raggiunto da una quindicina di soccorritori . Dopo averli assicurati, tutti sono stati accompagnati in sicurezza fino al termine del sentiero attrezzato e poi alle macchine

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato