Contenuto sponsorizzato

Tragedia in casa, colpita da un malore mentre accende la stufa, poi l’incendio: intervengono vigili del fuoco e polizia

Le fiamme, partite dalla stufa dell’abitazione, hanno generato una densa coltre di fumo. Purtroppo per l’83enne, che viveva sola in casa, non c’è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche la polizia accompagnata dalla scientifica

Foto credit vigili del fuoco Riva del Garda
Di Tiziano Grottolo - 17 novembre 2020 - 18:42

RIVA DEL GARDA. L’allarme è scattato nella notte di sabato scorso, 14 novembre, quando intorno alle 22e15 i vigili del fuoco di Riva del Garda sono stati allertati per un principio d’incendio all’interno di un’abitazione privata.

 

Dalla caserma di Riva del Garda è uscita una prima squadra con polisoccorso, un’autopompa e un mezzo di supporto. Arrivati sul posto i pompieri hanno subito avvertito un forte odore di bruciato mentre a un esame più attento anche la temperatura del vetro della finestra appariva molto calda. Così, mentre un collega si preparava per soccorrere in sicurezza eventuali positivi al coronavirus, un altro vigili del fuoco ha percorso l’esterno dell’abitazione per cercare una via di accesso.

 

Trovando l’ingresso chiuso e non riuscendo ad avere risposte dall’interno dell’appartamento i vigili del fuoco guidati dal caposquadra hanno rotto la finestra dalla quale è iniziata a uscire copiosamente una densa nube di fumo grigio. Una volta dentro i pompieri hanno notato una sagoma accasciata a terra in cucina. Riuscendo a farsi largo fra la coltre di fumo i pompieri hanno trasportato all’esterno la persona permettendo al personale di Trentino Emergenza di intervenire. Nel frattempo l’incendio è stato domato con alcuni estintori, dopodiché è stata attivata la ventilazione forzata dell’appartamento per diradare la coltre di fumo e mettere in sicurezza la zona.

 

 

Purtroppo per la persona soccorsa non c’è stato niente da fare, il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatarne il decesso. Da quanto si apprende si trattava di un’anziana signora di 83 anni che viveva da sola. Sul posto è intervenuta anche la polizia accompagnata dalla scientifica, come richiede la prassi in queste situazioni.

 

Stando a una prima ricostruzione, appurato che l’appartamento era stato chiuso dall’interno, dovrebbe trattarsi di una morte naturale. L’anziana a quanto sembra stava accedendo la stufa quando è stata colpita da un malore, successivamente le fiamme, non più controllate, si sarebbero estese nella zona della cucina scatenando un principio d’incendio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 19:51

Sono 250 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 37 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 2 decessi, ma si aggiungono le 30 vittime in Rsa. Sono 47 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

24 gennaio - 17:45

Sale il numero dei pazienti in ospedale, stabile quello delle terapie intensive. Altri 2 decessi. Sono state registrate 7 dimissioni e 39 guarigioni nelle ultime 24 ore

24 gennaio - 17:44

Una tragica dimenticanza, un vuoto comunicativo che aggiorna ulteriormente il difficile bilancio dell'emergenza coronavirus in Trentino. Oggi il report riporta di altri 2 decessi, ma il totale sale a 726 vittime nella seconda ondata di Covid-19 e si porta a 1.196 morti da inizio epidemia a seguito di una verifica interna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato