Contenuto sponsorizzato

Una colonna di fumo si alza vicino al Ponte di San Giorgio. Va a fuoco la siepe della Centrale Unica di Emergenza

E' successo intorno alle 16.30. Subito è scattato l'allarme e sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Trento che hanno domato le fiamme

Pubblicato il - 19 marzo 2020 - 17:13

TRENTO. Il fumo era ben visibile da gran parte della città. Una fitta nuvola grigia che si sviluppava all'altezza del Ponte di San Giorgio non lontano dal fiume Adige. Fortunatamente non si trattava di nulla di grave o, meglio, non si è trattato di nulla di grave per il rapido intervento dei vigili del fuoco.

 

Ad andare bruciata una siepe in via Giovanni Pedrotti posta proprio davanti alla Centrale Unica di Emergenza della Protezione Civile, quella che smista le chiamate e fa scattare i vigili del fuoco in caso di emergenza. Questa volta, evidentemente, l'emergenza si trovava proprio fuori dal loro edificio e in pochi attimi le fiamme sono state domate dai pompieri giunti sul posto con un'autobotte.

 

 

Poco dopo è arrivata anche un'auto della polizia per ricostruire la dinamica dell'accaduto. L'ipotesi più plausibile sarebbe quella di una sigaretta lanciata inavvertitamente accesa tra le siepi. Il clima secco e caldo, poi, avrebbe permesso in breve alle fiamme di svilupparsi tra gli arbusti.  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:44

Un bilancio delle ultime 24 ore aggravato dai 2 morti che porta il totale delle vittime da inizio epidemia a 296 persone, mentre i positivi salgono a 5.302 casi. Il rapporto contagi/tamponi al 10%, una persona testata ogni 10 è risultata infetta, un trend simile a quello di Trento

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

21 ottobre - 11:15

Sono 1422 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, 1083 nella sola notte. Il numero di vittime sale a 2282, dopo che dalle 17 di martedì 20 ottobre i decessi sono stati 5, ben 14 dalle 8. Proprio ieri il presidente Luca Zaia aveva presentato il nuovo piano di sanità pubblica in 5 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato