Contenuto sponsorizzato

Viaggia in A22 con 10 chili di cocaina. Fermato un 36enne, la droga avrebbe fruttato 2 milioni di euro

L'operazione è stata fatta dalla Guardia di Finanza di Verona. La droga era nascosta in macchina ed è stata individuata dalle unità cinofile

Pubblicato il - 14 febbraio 2020 - 16:55

VERONA. Maxi sequestro di droga in A22 da parte della Guardia di Finanza di Verona che ha arresto un uomo 32 enne, incensurato.

 

L'operazione è avvenuta dalla giornata di ieri. L'uomo, residente in Germania, è stato fermato nell'area di servizio Adige Ovest e all'interno del mezzo sono stati trovati dieci chili di cocaina.

 

Quando è stato fermato per il controllo, il 32enne ha subito evidenziato segni di nervosismo e insofferenza, affermando di essere in viaggio per trascorrere una settimana di vacanza in Albania.

 

Questo, però, non ha convinto i militari che hanno deciso di controllare l'auto richiedendo l'ausilio dell'unità cinofila antidroga della Guardia di finanza. Il fiuto dei cani è riuscito in poco tempo ad individuare, nel vano posteriore, 5 panetti di cocaina mentre altre quattro analoghe confezioni sono state trovate nascoste nell'intercapedine del lato opposto.

 

Lo straniero è stato arrestato e portato in carcere a disposizione dell'autorità giudiziaria scaligera. La droga avrebbe fruttato 2 milioni di euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 febbraio - 18:00

Gli aggiornamenti dopo una giornata di incontri e confronti. Fugatti spiega che ci sono stati i primi tre casi in provincia. Ora stanno rientrando in Lombardia

23 febbraio - 16:16

La decisione è arrivata poche ore fa con un ordinanza firmata dai sindaci dei sei comuni dell'Isola. Ecco il documento e le ragioni di una tale decisione

23 febbraio - 15:55

Da lunedì 24 febbraio, per una settimana, tutti gli uffici e le sedi produttive di Lombardia, Emilia, Veneto, Trentino e Piemonte saranno chiuse per consentire gli interventi di disinfestazione. I sindacati: “Bene il riguardo per la salute, ma decisione senza preavviso, molti lavoratori non sanno nulla”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato