Contenuto sponsorizzato

A Ronzo-Chienis la chiesa è vicina a crollare, il sindaco: ''Non abbiamo le risorse per consolidare un edificio storico della valle''

La chiesa di San Michele Arcangelo è sempre più instabile e le misure di sicurezza sono state ulteriormente estese. Il sindaco di Ronzo-Chienis, Gianni Carotta: "Un intervento sommario per evitare il crollo richiede almeno 50 mila euro, si sale a 300 mila euro per la consolidazione dei muri perimetrali e non parliamo nemmeno delle opere di restauro interne"

Di Luca Andreazza - 12 luglio 2021 - 20:18

RONZO-CHIENIS. "Siamo preoccupati per la situazione ma purtroppo non ci sono soluzioni immediate". Queste le parole di Gianni Carotta, sindaco di Ronzo-Chienis. La chiesa di San Michele Arcangelo in val di Gresta è sempre più instabile e le misure di sicurezza sono state ulteriormente estese negli ultimi giorni. "Un intervento sommario per evitare il crollo richiede almeno 50 mila euro, si sale a 300 mila euro per la consolidazione dei muri perimetrali e non parliamo nemmeno delle opere di restauro interne".

Nel 2011 era stato disposto il divieto di transito pedonale tra via Teatro e l'incrocio con la strada provinciale, ora l'amministrazione ha pubblicato un'ordinanza per ribadire le misure e allargare il divieto di sosta e fermata anche per alcuni stalli a servizio della Famiglia cooperativa. Sono state posizionate anche alcune barriere per ragioni di sicurezza.

 

"Una trentina di anni fa - spiega Carotta - la chiesa è stata oggetto di un'operazione di acquisto da parte dell'allora amministrazione, mentre il campanile è rimasto proprietà della parrocchia. Purtroppo non sono mai state prese misure di mantenimento e la situazione si è ulteriormente deteriorata. Il nostro Comune è piccolo e non abbiamo a disposizione le risorse per un intervento risolutivo per la messa in sicurezza e per la riqualificazione dell'edificio".

L'arco santo è compromesso, le crepe lungo i muri perimetrali evidenti, la struttura è fortemente deteriorata e il campanile incrinato. Ci sono i problemi di staticità evidenziati dalla recente perizia che ha ulteriormente allarmato il Comune.

 

"La chiesa - evidenzia il primo cittadino di Ronzo Chienis - è chiusa da decenni, il suo recupero sarebbe importante perché parliamo di un edificio storico, tra i pochi esempi nella nostra zona. Una minima messa in sicurezza si aggira sui 50 mila euro, mentre sistemare la parte statica richiede invece almeno 300 mila euro. Non calcoliamo i lavori per il restauro degli affreschi, dei reperti archeologici e degli interni: intanto cerchiamo una soluzione per spostare il vecchio altare".

Intanto si è corsi ai ripari con ordinanze e barriere. "Purtroppo il Comune non dispone di fondi propri per intervenire. La Provincia ha dimostrato una certa disponibilità nell'aiutarci ma non conosciamo tempi e modi. C'è preoccupazione ma attualmente non ci sono soluzioni immediate", conclude Carotta.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
31 gennaio - 11:57
L'indagine è il secondo filone di quello che negli scorsi anni aveva già portato a fermare 18 persone sempre in Val di Fassa e in Val di Fiemme. [...]
Politica
30 gennaio - 20:52
Attesa entro fine febbraio l'approvazione del progetto in Giunta provinciale. Le risorse previste ammontano a 60 milioni. Il presidente Fugatti: [...]
Società
31 gennaio - 12:26
Prisma spiega che il bolide ha iniziato a rendersi visibile a 105 chilometri di quota, quando si muoveva alla velocità di ben 50 [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato