Contenuto sponsorizzato

Barca affonda nel lago di Garda a bordo anche un bambino di 4 anni: l’intervento dei carabinieri e della guardia costiera salva i naufraghi

A bordo dell’imbarcazione affondata un’intera famiglia, le cause all’origine dell’incidente sono ancora in via di accertamento. Sul posto carabinieri, polizia, vigili del fuoco e guardia costiera

Pubblicato il - 12 maggio 2021 - 17:57

PESCHIERA DEL GARDA (VR). Nel primo pomeriggio di oggi, 12 maggio, i carabinieri di Peschiera del Garda, sono stati contatti da un uomo che parlava in lingua tedesca. Nonostante il militare al centralino non riuscisse a tradurre le parole dell’uomo, considerando l’agitazione di quest’ultimo, ha comunque compreso che poteva trattarsi di qualcosa di grave. È così che è stata avviata una telefonata a tre con i colleghi di Bressanone collegati per fare da traduttori.

 

A quel punto è stato possibile capire di cosa si trattasse: il cittadino austriaco stava lanciando l’allarme perché la sua imbarcazione era appena affondata nelle acque del lago di Garda all’altezza di Bardolino. A bordo con lui c’erano altre tre persone fra cui un bambino di 4 anni.

 

L’uomo e gli altri due turisti adulti si erano aggrappati a un pezzo di plastica dell’imbarcazione rimasto a galla, mentre il bambino è riuscito a rimanere a galla con difficoltà, nonostante avesse indossato il giubbotto di salvataggio.

 

A quel punto, l’operatore della Centrale operativa dei carabinieri ha mobilitato varie pattuglie in zona, ma anche la squadra nautica della polizia di Peschiera del Garda e i vigili del fuoco di Bardolino. Immediatamente sono iniziate le ricerche dei naufraghi. Grazie agli sforzi congiunti dopo pochi minuti la guardia costiera è riuscita a individuare i resti dell’imbarcazione. Così è stato possibile trarre in salvo i naufraghi.

 

Una volta raggiunto il porto di Lazise, ad attenderli vi erano due pattuglie dei carabinieri e il personale medico del 118 che ha prestato ai malcapitati le prime cure. Benché le condizioni fisiche dei naufraghi non fossero particolarmente preoccupanti è stato comunque disposto il ricovero agli ospedali di Negrar per il bambino e sua madre di anni 40 e di Peschiera del Garda per gli altri due uomini, rispettivamente di anni 39 e 41 anni, per gli accertamenti del caso. Per quanto riguarda le cause all’origine dell’incidente sono ancora in via di accertamento.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 08:52
La Squadra Mobile ha arrestato un uomo in relazione al reato di maltrattamenti in famiglia, un trentottenne straniero, ma da anni residente a [...]
Cronaca
15 giugno - 06:01
Il consigliere provinciale di Futura Paolo Zanella chiede chiarimenti in merito alle classi 'particolari' di indirizzo bilinguistico e musicale [...]
Cronaca
14 giugno - 16:21
Oggi in conferenza stampa il sindaco Ianeselli ha risposto alla lettera inviata dal gestore de "La Scaletta" in cui l'imprenditore si lamentava dei [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato