Contenuto sponsorizzato

Dall'Università alle strade di Trento, nei distributori insalate pronte al posto di snack e merendine: “Grande successo tra lavoratori e studenti”

Il progetto nasce da un'idea del titolare del ristorante OroStube a Povo che, dopo aver rifornito di insalate pronte tre distributori all'Università di Trento ha dato il via a OroSalad in via Santa Croce, un punto ristoro che offre nuove insalate ogni settimana con un occhio di riguardo all'ecosostenibilità

Di Filippo Schwachtje - 17 novembre 2021 - 19:19

TRENTO. “Il nostro obiettivo è dare una dimensione innovativa e diversa ai distributori automatici, fornendo al posto di snack e merendine cibo buono e sano, con un occhio di riguardo particolare per l'ambiente”. E la formula ideata da Gianni Giovannini, titolare a Povo del ristorante OroStube, piace: dopo i tre distributori automatici di insalate pronte all'Università di Trento, anche il l'"OroSalad bar” in via Santa Croce sta riscuotendo un ottimo successo.

 

Come ci racconta Giovannini, che quest'anno ha aperto una nuova società (OroSalad appunto) proprio per spingere nella direzione della vendita automatizzata di insalate pronte, il primo 'esperimento' è stato realizzato a UniTn dove, da anni ormai, gli studenti del dipartimento di Economia, del polo scientifico tecnologico di Povo e del dipartimento di ingegneria civile, ambientale e meccanica di Mesiano possono gustare, con un costo che varia da 6 a 7 euro, dei 'box' contenenti insalata, schiacciatine, condimenti e posate. Il tutto rigorosamente biodegradabile.

 

“L'idea inizialmente è stata quella di fornire all'interno dei distributori automatici un'alternativa sana, abbattendo anche i costi – spiega Giovannini a il Dolomiti – una volta partiti abbiamo visto che il riscontro è stato molto buono tra studenti, docenti e ricercatori universitari”. Da qui la scelta di uscire dall'ateneo e mettere a disposizione anche dei cittadini le insalate di OroSalad grazie al punto vendita in via santa Croce.

 

“Questo per noi è l'anno zero – continua il titolare di OroStube – abbiamo dato il via all'OroSalad bar (aperto tutti i giorni 24 ore su 24 ndr) a Trento agli inizi dell'estate, ma per poter dare un primo bilancio definitivo dei risultati per il lancio di un distributore automatico bisogna di norma aspettare circa 6 mesi”. Manca ancora poco quindi, ma già ora Giovannini si dice “sorpreso” del numero di cittadini che, chi per portare il pranzo al lavoro, chi per portare la cena a casa, ogni giorno fanno tappa al distributore e scelgono la loro insalata preferita.

 

“Abbiamo lanciato anche un nuovo sito – spiega Giovannini – diciamo che puntiamo ad essere il competitor di un'altra pietanza che sta andando forte in questo periodo, il pokè. Quest'anno abbiamo messo in campo un forte investimento per realizzare una sorta di re-branding e per far conoscere il nostro prodotto alla cittadinanza. Noi le insalate le facciamo da una vita e il bello è che è possibile unire l'utile al dilettevole, dando vita a piatti sani con elementi gustosi e stuzzicanti”.

 

Al momento OroSalad sta trattando con realtà private, con la Provincia di Trento e altri enti per poter installare altre postazioni. Tante le alternative realizzate nel laboratorio della società, con lo chef che ogni settimana propone nuovi gusti e abbinamenti adatti a tutte le esigenze alimentari, ma privilegiando sempre ingredienti freschi e di stagione. “Qualche anno fa abbiamo dato vita anche ad un orto – conclude Giovannini – per far capire che quello che proponiamo ai nostri clienti è tutta farina del nostro sacco. Al momento siamo molto soddisfatti, i risultati si vedono”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 6 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
08 agosto - 12:20
Nel tardo pomeriggio i vertici di +Europa hanno convocato una riunione per decidere la linea definitiva, Bonino: “Non è serio cambiare opinione [...]
Politica
08 agosto - 09:34
“Serve garantire alle persone senza dimora e senza residenza, italiane e straniere, che vivono sul territorio provinciale l’esercizio [...]
Cronaca
07 agosto - 11:34
L'indennità, pari a 10 milioni di euro, è stata ripartita dalla Pat sulla base della consistenza dei professionisti e operatori interessati: ecco [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato