Contenuto sponsorizzato

Era scomparso otto anni fa, trovati i suoi resti e i documenti: Dino Zortea ora sarà sepolto

Era uscito di casa il 10 dicembre 2013 per andare a fare un'escursione in montagna, non ha più fatto ritorno. Sabato una persona ha rinvenuto i suoi resti e i carabinieri hanno contattato la famiglia

Pubblicato il - 29 March 2021 - 13:35

PRIMIERO. Stava cercando corna di cervo quando si è imbattuto in dei resti umani. Fatta la macabra scoperta ha segnalato la cosa alle autorità e sul posto si sono portati i carabinieri della stazione del Primiero. Accertato che si trattava di ossa umane e rinvenuti i documenti nello zaino, è stata contattata la famiglia di Dino Zortea, scomparso per un'escursione proprio sui monti della zona nel dicembre del 2013. I familiari hanno riconosciuto gli oggetti personali dell'uomo e così, tristemente, si è chiuso il cerchio su una vicenda che risale a otto anni fa.

 

Dino Zortea era scomparso il 10 dicembre 2013. Partito di primo mattino da casa aveva allertato la famiglia dicendo loro che probabilmente non sarebbe rincasato perché si sarebbe fermato a dormire in qualche bivacco o rifugio. Era, quindi, partito in tenuta da montagna, con pantaloni sportivi amaranto, maglietta lilla e piumino azzurro e aveva lasciato la macchina in garage. Era uscito a piedi diretto verso passo Gobbera e da quel momento non ha più dato sue notizie. Dal 12 dicembre un centinaio di uomini si sono messi sulle sue tracce e le ricerche sono state estesissime su tutta l'area tra Vanoi e Primiero ma di Zortea non era stata trovata  traccia

 

In quei giorni erano intervenuti vigili del fuoco volontari dei Corpi di Primiero, Mezzano, Imer, Canal San Bovo, San Martino di Castrozza, il Soccorso alpino di Primiero e Canal San Bovo, la Guardia di Finanza di Passo Rolle, agenti dei forestali e dei carabinieri, i cani molecolari della scuola provinciale di Trento ma non era stato possibile rintracciare l'uomo. Le rigide temperature di quei giorni e il fatto che non fosse stato segnalato il suo passaggio da nessuna parte ha portato a sospendere le ricerche il 17 dicembre.

 

Sabato il ritrovamento sul monte Totoga in località Cortella sopra a Imer e la chiusura di una vicenda drammatica che si trascinava da otto anni. L'uomo, probabilmente, è stato vittima di un incidente o un malore e da quel momento non si è più saputo nulla di lui. Zortea era originario di Prade di Canal San Bovo ed era conosciuto anche ad Arco dove aveva abitato per diverso tempo per poi tornare a Fiera di Primiero. Martedì 30 marzo ci saranno i funerali nella chiesa di Fiera - Pieve

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 26 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 maggio - 19:13
Se da una parte i negozianti lamentano un calo della clientela nei giorni del concerto, a causa anche delle strade chiuse e [...]
Società
28 maggio - 19:02
La 37enne di Arco Francesca Morghen realizza prodotti con le copertine della celebre rivista, con cui ora è nata una collaborazione. Le [...]
Cronaca
28 maggio - 18:28
Da metà pomeriggio sono in azione i corpi dei vigili del fuoco in gran parte del territorio. A Trento, in via Brescia, un'auto è rimasta bloccata [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato