Contenuto sponsorizzato

In Trentino su oltre 1.300 segnalazioni per droga l’80% riguarda sostanze leggere. Il comitato del Referendum Cannabis: “È ora di legalizzare”

Dopo gli intoppi burocratici sono stati prorogati i tempi per consegnare le firme sui referendum di Eutanasia e Cannabis legale, c’è tempo fino al 31 ottobre. Zannini: “Le raccolte firme proseguiranno”. Valcanover: “Con la depenalizzazione la magistratura e i tribunali non saranno più oberati da processi che puniscono una condotta che dal nostro punto di vista non è più pericolosa dell’assunzione di alcol”

Di Tiziano Grottolo - 09 ottobre 2021 - 18:23

TRENTO. Risolti i nodi burocratici proseguono le campagne referendarie per chiedere una legge sull’eutanasia e la depenalizzazione delle cannabis. Anche se si tratta di due quesiti referendari separati entrambi hanno riscosso un grandissimo successo e, soprattutto grazie alla possibilità di firmare online, in poco tempo è stato possibile raggiungere le firme richieste per proseguire con l’iter.

 

Le campagne però non si fermano e dopo i problemi burocratici, lo scorso 29 settembre, il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge che proroga la data di scadenza per la presentazione delle firme sui referendum posticipandola dal 30 settembre al 31 ottobre. Per questo entrambi i comitati hanno scelto di non abbandonare strade e piazze e di proseguire con i banchetti, sia per raccogliere nuove firme, che per presentare le due proposte.

 

Le raccolte firme proseguiranno”, conferma Jacopo Zannini, esponente di Sinistra Italiana impegnato in entrambe le campagne referendarie nonché iscritto all’associazione “Meglio legale”. “Nelle prossime settimane cercheremo di organizzare i banchetti in città”, prosegue.

 

La raccolta firme per la depenalizzazione della produzione e del consumo di cannabis, nonostante sia partita a ridosso della scadenza, è riuscita a catalizzare l’attenzione di molte persone. Le firme hanno ampiamente superato quota 500mila ma gli organizzatori puntano ad arrivare a 800mila e forse anche di più.Un risultato raggiunto soprattutto grazie ai giovani”, ricorda Zannini. “Non c’è nemmeno stato il tempo di far nascere un vero e proprio comitato locale per il referendum – fa notare Damiano Trenti referente locale per il quesito sull’eutanasia e membro dell’associazione Luca Coscioni e Più Europa – la raccolta firme fino a questo momento è avvenuta esclusivamente online”.

 

A sostegno delle tesi del fronte che vuole legalizzare il consumo di cannabis l’avvocato Fabio Valcanover, storico esponente dei Radicali, porta anche alcuni dati. Gli ultimi disponibili in merito ai procedimenti per le segnalazioni relative a detenzione e uso di sostanze stupefacenti. Solo in Trentino, nel 2018, per questo reato sono state segnalate 842 persone fra cui 79 minori. Eppure solo 130 segnalazioni riguardano le droghe pesanti mentre ben 650 sono relative a quelle leggere. Infine, 19 segnalazioni riguardano esclusivamente il consumo di droghe pesanti e 43 il consumo di quelle leggere. Sempre nel 2018 ci sono state 98 sanzioni amministrative, mentre in 50 casi c’è stata la revoca delle sanzioni per il completamento positivo del programma terapeutico.

 

La stessa sproporzione è confermata nel 2019. Fra il primo gennaio e il 31 luglio, in Trentino, sono state segnalate 515 persone (di cui 46 minori). Solo 57 però avevano con sé droghe pesanti mentre in 329 casi si è trattato di droghe leggere. Per quanto riguarda il solo consumo 64 segnalazioni per droghe pesanti e 65 per quelle leggere. In questo periodo si contano anche 76 sanzioni, di queste 56 sono state revocate. In Altre parole l’80% delle segnalazioni è legato alle droghe leggere. 

 

“Con la legalizzazione si sottrarranno grandi profitti al mercato illegale – conclude Valcanover – la magistratura e i tribunali non saranno più oberati da processi che puniscono una condotta che dal nostro punto di vista non è più pericolosa dell’assunzione di alcol. Il fenomeno infatti, piuttosto che con la penalizzazione, va affrontato con la formazione, spiegando pro e contro”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
20 ottobre - 09:31
Secondo Confesercenti gli studenti che escono dalle scuole alberghiere con un buon grado di formazione sono pochi e spesso manca la voglia di fare [...]
Società
20 ottobre - 11:13
Da Instagram a Facebook fino a TikTok: i maggiori social del pianeta 'censurano' le opere di nudo e i musei della capitale austriaca hanno deciso [...]
Cronaca
20 ottobre - 11:22
Il poliziotto penitenziario aggredito è stato accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale Santa Chiara di Trento con diversi traumi. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato