Contenuto sponsorizzato

L'elicottero evita all'ultimo un drone, rischio tragedia nella notte di Capodanno: ''Per fortuna avevamo i visori notturni che ci hanno permesso di vederlo in tempo''

L'episodio è avvenuto tra giovedì 31 dicembre e venerdì 1 gennaio; l'elicottero si è alzato in volo per un'attività di soccorso in val di Non. Tutto apparentemente nella norma, ma durante la rotta, le unità a bordo del mezzo hanno notato alcune luci avvicinarsi in modo rapido: i visori notturni hanno permesso di individuare e evitare un drone

Di L.A. - 09 January 2021 - 16:50

TRENTO. Una tragedia sfiorata nei cieli di Trento nella notte di Capodanno. Il rischio è stato quello della collisione tra un elicottero dei vigili del fuoco permanenti di Trento impegnato a spostarsi sul territorio per un soccorso e un drone che si è alzato fino a quote probabilmente non consentite. 

 

L'episodio è avvenuto tra giovedì 31 dicembre e venerdì 1 gennaio; l'elicottero si è alzato in volo per un'attività di soccorso in val di Non. Tutto apparentemente nella norma, ma durante la rotta, le unità a bordo del mezzo hanno notato alcune luci avvicinarsi in modo rapido: i visori notturni hanno permesso di individuare un drone, quindi la brusca manovra per virare in un'altra direzione e per evitare l'impatto.

 

"Per fortuna avevamo gli Nvg (visori notturni) che ci hanno permesso di vederlo in tempo", commenta sulla propria pagina Facebook un membro dell'equipaggio.

 

Momenti di forte tensione: un elicottero viaggia fino a 300 km/h e incrociare un drone può essere estremamente pericoloso, strumento che sarebbe dovuto trovarsi a quelle altezze, vietato sopra i 45 metri, e la collisione sarebbe potuta avvenire a 400 metri di quota. Il tutto mentre c'è l'attività ordinaria tra gestione e organizzazione della sicurezza in volo in tempo reale.

 

Questo scontro avrebbe potuto far precipitare o danneggiare gravemente l'elicottero: avrebbe potuto sfondare il plexiglas della cabina di pilotaggio con tutte le conseguenze del caso. Danneggiare parti dei rotori e compromettere la capacità di volo.

 

Un grandissimo rischio corso da sei persone: due piloti, tecnico di volo, medico, infermiere e tecnico di elisoccorso del Soccorso alpino.

 

A livello internazionale capitano sempre più spesso eventi di questo tipo, mentre in Trentino è almeno il secondo episodio: il 18 settembre del 2018 è accaduto in pieno giorno in val di Cei (sopra Villa Lagarina) a 500 metri di quota.

 

Fortunatamente tutto si è risolto per il meglio, l'intervento di soccorso è stato portato a termine regolarmente, mentre sono state avvisate le forze dell'ordine e una segnalazione è stata trasmessa all'Enac-Ente nazionale aviazione civile.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

22 January - 10:25

Il personale vaccinato è di 82 unità su 95 (86%) tra operatori sanitari e assistenziali. Da questa settimana riprendono le visite con le solite regole, per gli ospiti che possono riceverle

21 January - 20:07

Il governo di piazza Dante intanto intende proseguire nell'attuazione della legge. Tonina: "Il ricorso del governo non impedisce agli uffici provinciale di avviare il percorso preparatorio alle gare in attuazione della legge". La Uil critica il metodo: "Altro impasse. Come per la A22 la Giunta Fugatti pare si incaponisca nella difesa degli azionisti privati. Affrontare la questione con serietà per il futuro del Trentino"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato