Contenuto sponsorizzato

Maltempo, una serie di alberi crolla in val Campelle: auto bloccate. Strada vecchia dei Crozi chiusa e vari allagamenti a Trento

Un violentissimo nubifragio si è abbattuto sulla città nel pomeriggio, colata di fango e sassi a Mattarello. Criticità anche in Valsugana. Una pianta ha bloccato l'arteria tra la Vigolana e Calceranica

Pubblicato il - 27 luglio 2021 - 19:08

TRENTO. Un'intensa perturbazione si è scaricata in queste ore sul Trentino, particolarmente colpite l'area di Trento e quella della Valsugana. Si segnala la chiusura della strada vecchia dei Crozi per la formazione di cascate di acqua e sassi, si viaggia sull'unica corsia disponibile del viadotto in direzione Padova.

 

Un violentissimo nubifragio sulla città: in via Fratelli Fontana il sottopassaggio si è riempito d'acqua con conseguenti problemi per molti automobilisti, alcuni costretti a cambiare strada (Qui video).

 

Ma sono diversi gli interventi dei vigili del fuoco permanenti del capoluogo e dei corpi volontari dei sobborghi per allagamenti in scantinati e nei garage. A Mattarello in località Grezzi si è verificata, per esempio, una colata di fango e detriti. 

 

Molti gli interventi anche sull'asse viario a causa dei tombini che non sono più riusciti a drenare l'acqua per l'intensità dell'evento.

 

Criticità anche in Valsugana. Alcune piante non hanno retto alle raffiche di vento, un albero è finito in mezzo alla strada provinciale 1 sull'Altipiano della Vigolana in direzione Calceranica, immediato l'intervento dei vigili del fuoco di Bosentino per liberare l'arteria e garantire la sicurezza. 

 

Una serie di alberi è crollata in val Campelle e diversi automobilisti sono rimasti intrappolati tra i tronchi verso il rifugio Crucolo. Fortunatamente nessun veicolo è rimasto colpito e non ci sono feriti. Anche in questo caso è stato tempestivo l'intervento del corpo di Scurelle per liberare le vetture e l'arteria. Diverse comunque le chiamate in tutto il Trentino per richiedere interventi e aiuti.

 

Sono giorni caratterizzati dal maltempo con grandinate, perturbazioni intense e raffiche di vento. Episodi sempre più frequenti e allo stesso tempo sempre più violenti quelli a cui stiamo assistendo negli ultimi tempi in Trentino, in Italia e in altre zone del mondo.

 

Se da un lato sono fenomeni che si posizionano su scale diverse dall'altro sulle cause uno dei fattori comune è il riscaldamento dell'atmosfera. "Le parole chiave sono mitigazione e adattamento", ha spiegato a Il Dolomiti il professore Dino Zardi, fisico dell'atmosfera all'Università di Trento (Qui articolo).

 

Intanto le previsioni di MeteoTrentino indicano per domani (mercoledì 28 luglio) una giornata in buona parte soleggiata, pur con possibilità di qualche rovescio o temporale nelle prime ore del mattino e poi al pomeriggio. Giovedì molto soleggiato e stabile. Venerdì e sabato soleggiati, specie al mattino, con cumuli sui rilievi al pomeriggio quando non si esclude qualche rovescio o temporale. Domenica possibile peggioramento.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
26 settembre - 23:07
L'affluenza si attesta al 15,58% degli aventi diritto. Non è stato raggiunto il quorum. La partecipazione si è fermata distante dal 40% [...]
Cronaca
26 settembre - 19:52
L'allerta è scattata sulla bretella che collega Rovereto e Villa Lagarina. Il motociclista è finito a terra, scivolando per diversi metri [...]
Cronaca
26 settembre - 19:45
Trovati 16 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 48 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato