Contenuto sponsorizzato

Morte Gino Strada, il ricordo dell'amico Raffaele Crocco: “Ci ha cambiato con il suo esempio, con il suo modo di creare alternative all'orrore”

Nel giorno della scomparsa del fondatore di Emergency, il direttore dell'Atlante delle Guerre e dei Conflitti nel Mondo e Unimondo Raffaele Crocco, che ha lavorato per anni con Strada, ha dedicato un ricordo all'amico: “Cancelliamo le lacrime e pensiamo alla fortuna di aver avuto fra noi un uomo che si chiamava Gino Strada”

Pubblicato il - 13 agosto 2021 - 16:30

TRENTO. “Mi viene da dire: non dobbiamo essere tristi”. Inizia così il ricordo scritto da Raffaele Crocco in memoria dell'amico Gino Strada, scomparso oggi all'età di 73 anni (Qui Articolo). Il direttore dell'Atlante delle Guerre e dei Conflitti nel Mondo e di Unimondo ha salutato il fondatore di Emergency: “Il tempo passato a lavorare con lui è stato importante nella mia vita, dobbiamo a lui l'aver capito che la pace la si costruisce con cose concrete, guarendo le persone, curandole, garantendo loro il diritto alla salute”.

 

Ecco di seguito le parole di Raffaele Crocco:

 

“Pensiamo a tutto quello che ci ha lasciato. Pensiamo alla fortuna che abbiamo avuto nel conoscerlo, frequentarlo o solo ascoltarlo, leggerlo. Sarebbe un mondo diverso se non ci fosse stato Gino Strada. Vi sembra esagerato? No, non lo è.

 

Sarebbe un mondo diverso perché parte di quel che sappiamo della Pace, oggi, lo dobbiamo anche a lui.

 

Dobbiamo a lui l’aver capito che la Pace la si costruisce con cose concrete, ad esempio guarendo le persone, curandole, garantendo loro il diritto alla salute. Quel che sappiamo sul rapporto stretto fra diritti e guerra, con un rapporto di causa – effetto immediato e letale, lo dobbiamo anche a lui, che quell’effetto lo ha sperimentato sul campo, lo ha annusato per anni, quotidianamente, salvando vite, regalando futuro e speranze dove erano scomparse. Quel che abbiamo imparato sull’importanza del rispetto delle altre culture, dei mondi differenti dal nostro, delle persone diverse da noi, lo dobbiamo anche e ancora a lui.

 

Ci ha cambiati, Gino Strada. Ci ha cambiati fondando Emergency a dispetto di tutto e creando entusiasmo e partecipazione – vera e trasversale – attorno all’idea di poter fare concretamente qualcosa per gli altri. E non si trattava solo – e non sarebbe poco - di salvare vite, ma di creare cultura della pace e della giustizia, empatia e fratellanza. Ci ha cambiato con i suoi libri, raccontando la sua esperienza di essere umano, di militante, di medico. Ci ha cambiato con l’esempio, con il suo modo di creare alternative all’orrore.

 

Vedete quanto resta di Gino Strada. Tutto questo, tutto quello che ci resta di lui, ce lo abbiamo davanti e dentro. Possiamo, ostinatamente e meravigliosamente, continuare a fare ciò che lui ha fatto. Ognuno a modo proprio. Ognuno con gli strumenti che ha. Ognuno con la voglia, il tempo, la passione, l’amore che riesce a mettere in campo. Ma possiamo farlo.

 

E allora, cancelliamo le lacrime e pensiamo alla fortuna di avere avuto fra noi, per questo tempo, un uomo che si chiamava Gino Strada". 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 ottobre - 19:17
L'incidente è avvenuto sulla provinciale tra Zambana e Mezzolombardo. Il conducente del mezzo pesante è stato trasferito all'ospedale [...]
Cronaca
25 ottobre - 21:44
La tragedia è avvenuta a Stelvio in Alto Adige. Nonostante il tempestivo arrivo della macchina dei soccorsi, un 70enne ha perso la vita
Cronaca
25 ottobre - 18:05
A due anni e mezzo dalla caduta del dittatore Omar al-Bashir, la transizione democratica in Sudan subisce una battuta d'arresto con la presa del [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato