Contenuto sponsorizzato

Morto a 24 anni, la sorella ai ''commentatori'' no vax: ''Siete orribili. Nessun covid, nessun vaccino. State zitti se non sapete''

Tra sabato e domenica Fabio Pedretti è venuto a mancare durante una gara di corsa in montagna per un malore. Sotto gli articoli pubblicati (anche il nostro) si è scatenato il solito tam tam di commenti della serie ''era vaccinato?'' '' perché non ci dite la verità?''. La sorella ha risposto: ''Non c'entra nulla di tutto questo''

Di Luca Pianesi - 08 dicembre 2021 - 16:15

BRESCIA. "Siete delle persone orribili. Mio fratello ci ha lasciati perché purtroppo il suo cuoricino non ha retto: nessun covid, nessun vaccino! Non c'entra nulla tutto questo. Purtroppo c'è la famigliarità, ed è toccato a lui. Fatevi un po' i fatti vostri e state zitti se non sapete, rispettate questo immenso dolore. Grazie invece per le condoglianze e la vicinanza di altri, ne abbiamo bisogno". Questo il messaggio postato dalla sorella di Fabio Pedretti per cercare di fermare il tam-tam di commenti e illazioni di quel mondo complottista e che si nutre ipotesi e falsità che è quello dei no vax.

 

Sotto gli articoli di tutti i giornali, compreso il nostro, le frasi più ricorrenti erano ''quanti malori in questo periodo!'', ''aveva appena fatto il vaccino?'', o ancora ''vaccinato o no?perché non ce lo dite?chi vi paga?è fondamentale saperlo''. Reazioni indecenti tese semplicemente a costruire la solita impalcatura farlocca che vada a confortare i loro pregiudizi e le loro convinzioni basate sul nulla e non a piangere per un giovanissimo venuto a mancare per un improvviso malore.

 

La vicenda ve l'abbiamo raccontata ed è avvenuta nella notte tra sabato e domenica (4 e 5 dicembre) durante un trail running in notturna a Monticelli Brusati, nel Bresciano. Secondo diverse fonti il giovane, che aveva già percorso oltre 20 chilometri sui 27 totali della corsa si è accasciato al suolo all'improvviso mentre era nel gruppo di testa

 

Gli altri atleti hanno fin da subito tentato di rianimarlo fino all'arrivo dei sanitari. Il 24enne poi è stato trasferito d'urgenza all'ospedale dopo le manovre praticate sul posto. Le sue condizioni sembravano inizialmente essersi stabilizzate ma purtroppo il cuore del giovane si è poi fermato nuovamente. Molto bello il ricordo che hanno fatto di lui gli amici della New Athletics Sulzano Asd, cui Fabio era iscritto: "Purtroppo non ce l'ha fatta a vincere la gara più importante. Tempestivo l’intervento da parte dei compagni di gara e degli organi competenti, ma purtroppo il destino aveva già deciso per lui. Siamo vicini alla famiglia in questa incomprensibile tragedia. Vogliamo ricordarlo cosi, sempre sorridente pieno di entusiasmo voglia di fare". 

 

Un destino crudele che non ha nulla a che fare con le paure infantili di insensibili e egoisti commentatori. Non resta che il silenzio e il cordoglio di tutti, noi compresi, da esprimere alla famiglia. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 18 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 gennaio - 17:33
Sono stati analizzati 13.601 tamponi tra molecolari e antigenici. Registrati 2.660 positivi e 2 decessi. Ci sono 169 persone in ospedale di [...]
Cronaca
19 gennaio - 16:51
La questione lupo ciclicamente riemerge nel dibattito pubblico all'indomani di predazioni (praticamente sempre evitabili). Questa volta ha perso la [...]
Società
19 gennaio - 17:38
La nuova società è il punto di arrivo di un percorso che ha portato alla fusione tra Amnu e Stet nell'ambito dei servizi essenziali tra [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato