Contenuto sponsorizzato

Sbaglia sentiero e con l'arrivo del buio si ripara con il sacco a pelo sotto un albero: salvataggio notturno in montagna

E' successo ieri, 24 settembre, a Cencenighe Agordino, in provincia di Belluno: una 24enne di Montebelluna ha sbagliato sentiero cercando di raggiungere un gruppo di amici al Bivacco Bedin. L'intervento del Soccorso alpino si è concluso alle 2

Di F.S. - 25 settembre 2021 - 11:13

CENCENIGE AGORDINO (BELLUNO). Voleva raggiungere un gruppo di amici, da due giorni al Bivacco Bedin, ma dopo aver sbagliato sentiero si è persa nella vegetazione a 1.800 metri di quota: operazione di salvataggio in notturna per il Soccorso alpino e speleologico Veneto.

 

La chiamata d'emergenza è arrivata ieri sera (24 settembre) da uno dei ragazzi che si trovava al Bivacco Bedin. Dalle prime informazioni, difficili da reperire a causa della scarsa copertura telefonica, la ragazza aveva raggiunto Pradimezzo alle 12 e aveva iniziato a salire mandando delle foto, perché non si ritrovava lungo il percorso e non riusciva ad arrivare a Malga Ambrosogn, da dove prosegue il sentiero per il Bivacco Bedin.

 

Ed è proprio da quelle immagini, l'ultima spedita nel tardo pomeriggio, che i soccorritori hanno capito che la ragazza era da tutt'altra parte. A confermare la loro ipotesi la ventiquattrenne stessa, riuscita finalmente ad accedere alla rete e condividere la sua posizione tramite Whatsapp: l'escursionista aveva sbagliato l'itinerario fin dalla partenza, nella zona di Torcol, salendo a Rudelfin basso, sotto il Monte Pape.

 

Quattro soccorritori si sono quindi portati a Bogo, per poi proseguire in jeep fino a Cloit e da lì partire a piedi. Dopo una cinquantina di minuti, a Rudelfin basso, non appena hanno scollinato la ragazza ha iniziato a rispondere ai richiami e a fare segnali con la luce del telefono: era uscita dalla traccia e, dopo aver vagato, si era ritrovata tra la vegetazione, riparandosi sotto un albero con il sacco a pelo a 1.800 metri di quota.

 

In pochi minuti la squadra l'ha raggiunta e i soccorritori l'hanno riportata sul sentiero, riaccompagnando la ventiquattrenne a valle dove, a venti minuti dalla jeep, due vigili del fuoco sono andati loro incontro. L'intervento si è concluso alle 2. “Ricordiamo – conclude il Soccorso alpino e speleologico veneto – che il Bivacco Bedin, come tutti gli altri bivacchi, è un presidio di emergenza e non un rifugio d'alta quota in cui si può pernottare per più giorni”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 ottobre - 19:56
Trovati 29 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 20 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui 3 ricoverati in terapia [...]
Cronaca
15 ottobre - 20:44
L'allerta è scattata in località Santa Margherita a Castelnuovo. Un 35enne portato in elicottero all'ospedale
Cronaca
15 ottobre - 18:16
Tra musica, ricordi e spunti filosofici, in un'intervista a Massimo Cotto su Virgin Radio il rocker emiliano si dice emozionato per il debutto del [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato