Contenuto sponsorizzato

Smottamento interrompe la strada fra Riva e Tenno: grossi massi sulla carreggiata. Il sindaco chiude l’Sp 37

Alle prime ore dell’alba grossi massi si sono abbattuti sulla strada provinciale 37 del Monte Tombio che collega Riva del Garda e Tenno, passando per le frazioni di Deva e Pranzo. Sul posto il sindaco Marocchi con il servizio geologico e i vigili del fuoco. La strada è stata chiusa

Pubblicato il - 23 January 2021 - 09:47

TENNO. Lo smottamento si è verificato questa mattina alle prime ore dell’alba di oggi, 23 gennaio, lungo la strada provinciale 37 che collega il Comune di Riva del Garda con quello di Tenno. Va precisato che la via principale che collega i due abitati, la strada statale 421 rimane aperta in quanto non interessata dall’evento franoso.

 


 

Infatti i grossi massi che si sono staccati dalla parete e sono precipitati a valle fermandosi proprio in mezzo alla carreggiata, hanno interessato l’Sp 37 del Monte Tombio che dalla frazione di Deva sale verso la frazione di Pranzo per poi ricongiungersi con l’Ss 421 all’altezza del lago di Tenno.

 

Stiamo valutando la situazione con il servizio geologico, viabilità e con vigili del fuoco”, fa sapere il sindaco di Tenno Giuliano di Marocchi che nel frattempo ha chiuso la strada con un provvedimento. Attualmente il primo cittadino si sta recando sul posto per farsi valutare da vicino la situazione, dopodiché, di comune accordo con la sindaca di Riva del Garda Cristina Santi si valuteranno ulteriori provvedimenti da prendere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 15:03

Il sindaco di Pergine-Valsuagana contro chi non rispetta le regole anti-Covid: “Domenica ho ricevuto decine di chiamate, messaggi e video di cittadini per segnalare assembramenti di persone, molte senza mascherina, che dimostrano solo la mancanza di responsabilità nei confronti innanzitutto dei propri familiari anziani”

08 March - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 March - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato