Contenuto sponsorizzato

Torna il maltempo nel bellunese, dichiarato lo "stato di attenzione" dalla Protezione Civile. Attese nevicate anche nei fondovalle

Dopo la breve pausa del maltempo, sul territorio bellunese il meteo tornerà ad essere perturbato. Il peggiorare delle condizioni metereologiche è atteso per il pomeriggio di oggi, venerdì 1 gennaio, a partire dai 1000 metri di quota, e rimarranno consistenti fino alla serata di sabato 2

Di L.B. - 01 gennaio 2021 - 11:17

BELLUNO. Dopo la breve pausa del maltempo, con l’inizio del 2021, sul territorio bellunese il tempo tornerà ad essere perturbato, generando un nuovo episodio di abbondanti precipitazioni e nuove nevicate sui monti veneti a partire dai 1000/1200 metri di quota.

 

Il peggiorare delle condizioni metereologiche è atteso per il pomeriggio di oggi, venerdì 1 gennaio, e rimarrà consistente fino alla serata di sabato 2. Sono previste precipitazioni estese sulle zone montane e pedemontane.

 

La neve cadrà inizialmente anche a bassa nei fondivalle prealpini per poi alzarsi sulle Prealpi già nel pomeriggio e sera di venerdì 1 gennaio e portarsi nella giornata di sabato intorno a quota 700-1000 metri, anche se sulle Dolomiti la neve potrà continuare a cadere anche più in basso. Nella giornata di venerdì saranno possibili accumuli di 5-10 centimetri nei fondivalle prealpini, localmente anche maggiori nelle zone più fredde.

 

Per le copiose nevicate previste, quindi, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione civile della Regione del Veneto ha dichiarato lo "stato di attenzione" per il territorio occupato dalla provincia di Belluno, che scadrà alle 14 di domenica 3 gennaio. A riferirlo, anche l'assessore regionale Gianpaolo Bottacin. L'arrivo del maltempo è atteso nelle prossime ore anche sul territorio Trentino (qui articolo con i dettagli).

 

Delle informazioni che invece possono risultare importanti per tutti, riguardano come comportarsi quando in città si trova tanta neve. Un rischio da non sottovalutare è quello della neve e ghiaccio che può cadere giù dai tetti. 

 

Sono due i rischi a cui bisogna stare attenti. Per prima cosa bisogna provvedere a segnalare la situazione di pericolo ai passanti. Per seconda cosa, invece, bisogna rimuovere questa neve chiedendo l'intervento di ditte specializzate per evitare incidenti che possono avere anche gravi conseguenze. Si segnala che la responsabilità per danni causati dalla caduta della neve dal tetto è a carico dei proprietari dell’immobile.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato