Contenuto sponsorizzato

Vaccini, il Trentino ora deve raddoppiare le dosi giornaliere (da 2.346 a 4.500). In Alto Adige al via gli under 60 con malattie croniche

Centrato, grosso modo, l'obiettivo della scorsa settimana (3.100 dosi giornaliere e ne sono state fatte 2.920) ora da piano del generale Figliulo bisogna accelerare in maniera notevole. Il Trentino dovrà fare 4.500 dosi al giorno, l'Alto Adige 5.350

Pubblicato il - 27 April 2021 - 19:12

TRENTO. Bene, ma da domani si deve aumentare ancora: la Provincia di Trento deve accelerare, da piani del generale Figliuolo, con le somministrazioni quotidiane di vaccini e così se il target prefissato per la settimana scorsa è stato grosso modo raggiunto (da piani il Trentino avrebbe dovuto inoculare 3.100 dosi giornaliere e tra il 20 aprile e oggi ne sono stati fatti 2.920 di media per un totale di 20.441 in una settimana contro i 21.700 fissati) ora ci sarà quasi da raddoppiare le quantità. Tra oggi e il 5 maggio, infatti, arriveranno in Italia altre 5 milioni di dosi di vaccini anti-Covid.

 

L'ufficio del commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo ha già comunicato che le Regioni saranno in condizione di poter arrivare alla soglia delle 500mila somministrazioni per la fine di aprile. Da previsione il 29 aprile l’Italia dovrebbe superare la soglia di 504mila iniezioni al giorno ma spetterà agli enti locali essere all'altezza. la Provincia di Trento, in particolare, dovrà fare 4.500 dosi al giorno, la Provincia di Bolzano 5.350 (l'Alto Adige è avanti con le somministrazioni al Trentino avendo fatto, ad oggi, 180.378 dosi contro le 162.294 dei Trento). Di fatto, quindi, il Trentino, che ieri ha cominciato con le vaccinazioni delle persone tra i 60 e i 69 dovrà quasi raddoppiare la velocità di inoculazione dei vaccini rispetto a quella attuale (nelle ultime 24 ore sono stati fatti 2.346 dosi).

 

Intanto in provincia di Bolzano a partire da giovedì, 29 aprile 2021, le persone sotto i 60 anni con un'esenzione ticket a causa di una malattia cronica potranno prenotarsi per la vaccinazione. Dopo la fascia d'età dai 60 ai 69 anni, è ora il turno del gruppo dei malati cronici sotto i 60 anni in possesso di un’esenzione ticket per patologia.

 

In Alto Adige ci sono circa 30.000 persone sotto i 60 anni che possiedono un'esenzione ticket a causa di una malattia cronica e che quindi soddisfano i requisiti per effettuare la vaccinazione contro il Covid. Le prenotazioni per questo gruppo di persone saranno aperte dalle 00.00 di giovedì  (mezzanotte del 28 aprile). La preferenza andrebbe data alla prenotazione online. ''Attenzione - specifica l'Asl di Bolzano -: i cittadini e le cittadine che sono esenti dal ticket sulla base del proprio reddito non rientrano nella categoria di cui sopra. Invece vi rientrano le persone con malattie rare. Inserendo il proprio codice fiscale è possibile verificare se si appartiene ad uno dei gruppi idonei per la vaccinazione''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 settembre
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Sport
16 settembre - 13:31
Il Briamasco si veste a nuovo. Dopo le uscite a Salò, il Trento è pronto a esordire in C tra le mura di casa: domenica 19 settembre nella [...]
Politica
16 settembre - 12:36
La norma che prevede la partecipazione della Pat in Itas Mutua è stata impugnata dal governo. Già la Procura della Corte dei conti aveva [...]
Cronaca
16 settembre - 13:04
La scorsa settimana Rita Amenze è stata uccisa all'uscita dal lavoro, ieri un uomo ha sparato al volto di  Alessandra Zorzin. Il sindaco [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato